menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un bambino su tre è in sovrappeso: scatta l'allarme obesità in Umbria

La prevenzione di questo problema è diventato un obiettivo prioritario di sanità pubblica. I risultati dell'indagine effettuata dalla Usl nel distretto del Trasimeno saranno resi pubblici giovedì 20 febbraio a Magione

Scatta l'allarme obesità in Umbria, dove un bambino su tre è in sovrappeso. Un dato che preoccupa non poco gli esperti, consci di come l’eccesso ponderale in età evolutiva tenda poi a persistere anche in età adulta, favorendo lo sviluppo di gravi patologie quali quelle cardio-cerebro-vascolari, il diabete tipo 2 e alcuni tumori. Il continuo aumento di questo fenomeno e i costi correlati alle relative conseguenze hanno portato a definire la prevenzione dell'obesità come un obiettivo prioritario di sanità pubblica, imponendo la messa in campo di programmi e progetti finalizzati al miglioramento degli stili di vita dei bambini e delle loro famiglie con azioni integrate e multisettoriali. Ecco così che i servizi Igiene degli Alimenti e Nutrizione (IAN) ed Epidemiologia del Dipartimento di prevenzione della Usl Umbria 1 hanno realizzato uno studio per acquisire elementi sulla percezione circa lo stato nutrizionale dei bambini da 6 a 10 anni, finalizzato alla descrizione di aspetti dietetico-nutrizionali caratterizzanti la popolazione in età pediatrica. 

L’indagine, di tipo qualitativo-descrittivo, realizzata mediante Focus Group e interviste semi-strutturate, è stata condotta nel territorio del distretto del Trasimeno coinvolgendo tutti gli otto comuni  (Panicale, Paciano, Piegaro, Città della Pieve, Magione, Tuoro sul Trasimeno, Passignano sul Trasimeno, Castiglione del Lago) e i risultati saranno condivisi con la cittadinanza attraverso un'iniziativa pubblica giovedì 20 febbraio (ore 17) presso la scuola elementare di Magione, che aprirà la strada alla scelta delle aree prioritarie d'azione. “La scelta di questo territorio - spiega la nutrizionista Deborah Cesaroni - è stata dettata da un lato dalla necessità di promuovere una maggiore adesione alle linee d’indirizzo regionali sulla ristorazione scolastica e dall’altro per la presenza di una rete di promozione della salute già consolidata, che ha favorito la realizzazione e la buona riuscita dell’indagine. Sono stati coinvolti tutti i soggetti interessati al problema: bambini, genitori, insegnanti, addetti alla ristorazione scolastica, pediatri, sindaci. Il loro punto di vista ha fornito un contributo fondamentale alla definizione delle possibili azioni di prevenzione, promozione e tutela della salute”.

Le domande formulate nei vari focus group avevano come obiettivo quello di descrivere il concetto percepito di bambino in salute, esplorare i problemi di salute correlati alla nutrizione e gli aspetti percepiti come positivi o negativi. Sono state inoltre stimolate proposte per promuovere la partecipazione dei cittadini alle scelte di salute operate dai cosiddetti “decisori” nell’ambito della propria comunità. Il coinvolgimento, sin dalla progettazione, di tutti i portatori di interesse è un passo essenziale per fare in modo che le azioni non siano percepite come calate dall’alto ma condivise. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento