Lo storico negozio del centro chiude i battenti, intervista a Simone Merlini: "Ho avuto tanto da questa città"

Stamattina, Simone Merlini ha aperto per l’ultima volta la porta del suo splendido negozio in via Mazzini. E stasera la chiuderà per sempre. Duemme… ultimo atto

Simone Merlini nel suo ultimo giorno di attività

Stamattina, Simone Merlini ha aperto per l’ultima volta la porta del suo splendido negozio in via Mazzini. E stasera la chiuderà per sempre. Duemme… ultimo atto.

“È stata una splendida avventura, coi miei genitori che hanno creato e fatto crescere quest’azienda, alimentata anche dal mio lavoro negli ultimi venti anni”.

Ma perché la chiusura?

“Negli ultimi tempi, due/tre scontrini al giorno non giustificavano più la prosecuzione della nostra avventura imprenditoriale”.

Merlini, come altri esercizi commerciali, ha scontato i problemi irrisolti e accumulatisi negli anni: questioni degli accessi e della sosta, crisi economica, dissennata proliferazione dei centri commerciali comodi ed economici, anche se la qualità della merce non è sempre all’altezza.

Non provi qualche rimpianto?

“Certamente: il lavoro è stato la mia vita e ho avuto tanto da questa città”.

Simone ha voluto in qualche modo dimostrare riconoscenza alla Vetusta. Innanzi tutto, donando una somma di discreto ammontare per l’Art Bonus. Sta facendo i conti e poi consegnerà l’importo al Comune di Perugia. A questo scopo, ha messo a prezzi specialissimi un’importante partita di merci che è andata letteralmente a ruba, tanto che quello scaffale è pulito. I clienti l’hanno acquistata anche per solidarietà.

E quel famoso quadernetto? (ci riferiamo a un quaderno dove i clienti hanno vergato un saluto, un ringraziamento, un pensiero).

“Leggo quelle frasi e mi commuovo. Saranno il più bel ricordo della mia attività professionale”.

Ma i perugini non hanno mostrato dispiacere per questa chiusura?

“Una solidarietà eccezionale. Il vostro servizio su Perugia Today ha scatenato clienti che non si vedevano da anni. Posso dire che in questi ultimi 20 giorni ho rivisto più clienti che negli ultimi 20 anni. Mi pare di aver riletto tutta una vita di lavoro in un film”.

L’Inviato Cittadino è testimone diretto della veridicità di quest’affermazione.

E adesso, cosa farai? Sei ancora giovane e pieno di energie!

“Mi frullano in testa varie idee, vedremo quale avrà la priorità”.

Simone Merlini ha tanti hobby e non si annoierà di certo. Dichiara di pensare, ad esempio, ad un temporary store in concomitanza coi grandi eventi, tipo Umbria Jazz. E poi è uno specialista di fotografia, competente in multimedialità. Qualcosa saprà certo inventarsi.

Si vocifera anche di una sua intenzione di mettersi a disposizione della città. In che ruolo sarà da vedersi. È certo che conosce molto bene il mondo, le persone e le problematiche del commercio. Peraltro è anche amico personale del sindaco Romizi e intrattiene rapporti di fiducia con varie organizzazioni imprenditoriali. Siamo sicuri che la sua disponibilità umana e professionale ce lo farà ancora incontrare, in veste da definirsi, nella vita pubblica della Vetusta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 30 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 3 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 2 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'1 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • La Liguria ritorna in zona gialla mentre l'Umbria resta arancione: eppure i dati parlano chiaro, situazione migliore da noi...

Torna su
PerugiaToday è in caricamento