rotate-mobile
Attualità

Simona Esposito affabula grandi e piccoli con ‘Parole e musica intorno all’Albero’

Si terrà il 28 dicembre, alle 11, al Salone Apollo di Palazzo Della Penna

Preziosa coda alle giornate natalizie. Perché, come dicevano gli antichi, “dulcis in fundo”.

Palazzo Della Penna, Salone Apollo. Simona Esposito affabula grandi e piccoli con ‘Parole e musica intorno all’Albero’. Si terrà il 28 dicembre, alle 11, un evento di stampo natalizio regalato alla città.

Parole e musica dal vivo con l’introduzione del nostro Inviato Cittadino che ha accettato di buon grado di essere della partita per parecchie valide ragioni. La prima, e fondamentale, è legata alla stima e all’affetto nutrito da Sandro Allegrini nei confronti dell’autrice, compagna dell’indimenticabile Sergio Tedesco, che la avviò sui sentieri del canto (lirico e jazz), del doppiaggio, della regia, della recitazione. Ma Simona è anche event manager, scrittrice poligrafa (poetessa, biografa di Mozart, romanziera), poliglotta, presentatrice. Vincitrice di numerosi e qualificati premi di rilevanza nazionale. In questa occasione si è cimentata con la scrittura elaborando una favola, ascoltabile liberamente su Spotify. Potremo vederla e sentirla dal vivo in una straordinaria performance attoriale.

A darle man forte nell’operazione di artistica creatività, Enrico Bianchi, musicista e musicologo, compositore, personaggio capace di vestire con gli abiti del pentagramma la poesia di Quasimodo, direttore di coro, legato a doppio filo col Panopera Festival, docente di pianoforte, Armonia e Teoria. In questo caso, ha scritto le Danze intorno all’albero. Si tratta di ben sette composizioni originali (Valzer della Damina, Tema del Robot…) che accompagnano e intervallano la recitazione dal vivo di Simona.

Il plot racconta che, nella notte di Natale, i giocattoli escono dai loro pacchetti e prendono vita. Danzando al suono di un accattivante pianoforte. La cover è una creazione di Elisabetta Trottini.

Uno spettacolo apparentemente riservato ai bambini, ma efficace per ‘bambini’ di ogni età. Al termine della singolare esibizione (un vero evento delle festività che gli autori offrono col persuaso appoggio dell’Assessore Leonardo Varasano e del suo staff), i convenuti saranno ospiti per un brindisi augurale. Per ricordarci che il dono è bello quando riesce a coniugare divertimento e cultura, saperi e sapori natalizi capaci di unire modernità e tradizione. Sotto il segno dell’arte.

Io l’ho ascoltata. E mi sono commosso. Senza vergognarmi di tornare bambino. Almeno per venti minuti. Appello agli adulti: portateci i bambini.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Simona Esposito affabula grandi e piccoli con ‘Parole e musica intorno all’Albero’

PerugiaToday è in caricamento