menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'epopea dei soldati di Napoleone nascosta tra i ricordi del trisavolo

Una famiglia tifernate conserva un esemplare della "Medaglia di Sant'Elena", ultimo atto di Bonaparte in onore dei suoi soldati

Duecento anni fa, il 5 maggio, moriva nell’isola sperduta di Sant’Elena, Napoleone Bonaparte, generale francese (nato in Corsica), primo console e poi imperatore di Francia.

Un ricordo straordinario delle gesta dell’imperatore lo possiede a Città di Castello un tifernate, eredità di un avo che servì nell’esercito multinazionale di Bonaparte.

Si tratta di una medaglia commemorativa in bronzo coniata, su espressa volontà di Napoleone, nel suo testamento, onorare con una distinzione speciale i soldati che hanno combattuto sotto le bandiere della Francia nei grandi eserciti dal 1792 al 1815.

La medaglia in questione, conosciuta anche come Medaglia di Sant’Elena, è appartenuta ad un antenato di Paolo Ducci, cioè Bernardino Ducci, volontario e patrioti dell’epoca, spinto dagli ideali della Rivoluzione francese a prendere parte alle Campagne d’Italia che videro protagonista Napoleone.

La medaglia reca l’effigie dell’imperatore sulla parte anteriore con la scritta “Napoleon I Empereur”, nel verso la dedica “ai suoi compagni di gloria il suo ultimo pensiero S. Elena 5 maggio 1821”.

La medaglia fu coniata in bronzo di buona qualità e con conio molto bello e nitido. Attorno alla stessa correva una corona d’alloro che terminava all’estremità in quella imperiale sormontata da un globo terrestre con una piccola croce.

necessario dimostrare di aver operato nelle forze di terra o di mare francesi tra il 1792 ed il 1815 senza un minimo di “durata in servizio” o di partecipazione a precise campagne militari. Era sufficiente presentare documentazione probante rilasciata dalle autorità militari come il congedo, la proposta per la pensione od altri documenti ufficiali.

Per la realizzazione e la distribuzione delle medaglie, però, i soldati e gli ufficiali, dovettero attendere fino al 12 agosto 1857, quando l’imperatore Napoleone III autorizzò la creazione della medaglia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento