Martedì, 22 Giugno 2021
Attualità

Brilla di luce d’oriente la mostra dell’artista giapponese Chigusa Kuraishi alla Galleria “A+A” di via della Cera, al Borgo d’oro

L'inaugurazione della mostra "La montagna rossa" di Chigusa Kuraishi ha suscitato notevole interesse. Tanta gente: amici, estimatori, critici d’arte, colleghi

Brilla di luce d’oriente la mostra dell’artista giapponese Chigusa Kuraishi alla Galleria “A+A” di via della Cera, al Borgo d’oro.

L'inaugurazione della mostra "La montagna rossa" (“AKA FUJI”) di Chigusa Kuraishi ha suscitato notevole interesse. Tanta gente: amici, estimatori, critici d’arte, colleghi.

L’artista nippo-perugina può a buon diritto fregiarsi del titolo di cittadina del Grifo, dato che risiede fra i travertini della Vetusta da parecchi lustri. E, per di più, proprio nel borgo dell’angelo alato.

Pubblico attento e numeroso per ammirare opere che non lasciano indifferenti.

Chigusa ha una visione totale dell’arte, tanto da includere nel suo lavoro performance speciali, come accadde alla Galleria Artemisia dove, in abito candido e a piedi nudi, camminò su un tappeto di sabbia, in un clima di piena affabulazione.

Ma sentiamo chi se ne intende.

“Chigusa Kuraishi – dice il critico Pino Bonanno – artista nota a Perugia, è ormai una certezza nell'ambito della cultura umbra, ma anche fuori dall'Italia”.

Quali le sue esperienze più importanti?

“Ricordiamo – fra le altre – anche la partecipazione al simposio d'arte di Medana (Slovenia) e a tante partecipazioni nazionali”.

Quale la grammatica del suo linguaggio pittorico?

“Il suo è un linguaggio, anche se codificato nell'ambito dell'arte, di forte pathos personale”.

Quali le analogie con artisti e correnti?

“Chigusa non ha modelli di riferimento locali, ma soltanto è portatrice di una forte sedimentazione della cultura giapponese”.

Dice Chigusa (di mestiere giornalista, corrispondente dall’Italia di importanti testate nipponiche): “Per me la pittura è una salvezza per l'anima, quasi un conforto come la preghiera. Sarei morta senza questa passione e, se posso donare conforto anche agli altri, la mia gioia aumenta”.

La mostra è aperta fino a tutto il periodo delle festività.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brilla di luce d’oriente la mostra dell’artista giapponese Chigusa Kuraishi alla Galleria “A+A” di via della Cera, al Borgo d’oro

PerugiaToday è in caricamento