rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Attualità Centro Storico / Via Guglielmo Oberdan

INVIATO CITTADINO Pensando all'Ucraina. Inaugurata la mostra “Disarmati” in via Oberdan

Le parole di Varasano: 'Una proposta di terribile attualità'

Papercraft weapons. Armi di carta… come la testa dei guerrafondai. Inaugurata la mostra “Disarmati” in via Oberdan. Le parole di Varasano: “Una proposta di terribile attualità”. L’iniziativa risale infatti a quindici anni fa. Ma i tragici eventi bellici del momento la rendono tragicamente contemporanea. Quando si dice “stare sul pezzo”.

L’installazione – che allora ebbe luogo all’ex chiesa della Misericordia – è stata riproposta in chiave ridotta (ossia una selezione di quel progetto) nelle due vetrine in uso al Museo del Giocattolo di Luciano Zeetti. Certo, non ci sono più le trincee e il filo spinato. Ma tante foto ironiche sì. E non hanno perso efficacia di denuncia e irrisione.

L’idea, semplice e geniale, era stata partorita dalle vulcaniche menti del grafico e creativo Marco Vergoni (mai troppo rimpianto) e del fotografo-scrittore Franco Prevignano. All’iniziativa aderimmo in tanti. E fummo ritratti con le variopinte dis-armi, create da Marco Vergoni utilizzando materiali di recupero,

La rassegna fotografica – che effigia un centinaio di Rambo “de nojaltre” – prevedeva che ciascun personaggio imbracciasse un’arma, provocatoriamente realizzata con rotoli di carta igienica e materiali di scarto. A dimostrazione di una forte ironia contro il militarismo ottuso che vede nelle armi un mezzo per la soluzione dei contrasti. 

FOTO - Perugia, “Disarmati” in via Oberdan

“Una manifestazione di convinto pacifismo – dice l’Assessore alla Cultura – iscritta nel Dna capitiniano della nostra città”.

Una mostra – racconta Prevignano – che raccolse allori in Umbria, con trasferte anche a Terni, Assisi, Città della Pieve.

Sta di fatto che – in occasione del Festival del Giornalismo – Luciano Zeetti ha pensato di riproporla. In quel luogo che dovrebbe divenire appannaggio del Museo del Giocattolo. Per far sì che, nell’acropoli, esista anche uno spazio permanente per i bambini e la loro formazione ludico-educativa.

Così, alle 17:00 di ieri pomeriggio, un manipolo di cittadini si è riunito in via Oberdan, sfidando la pioggia, per riproporre una sfida, rilanciare una provocazione che il tempo non appanna. Perché, la si legga come “Disarmàti” o nella forma imperativa “Disàrmati”, poco cambia. “Per dire – afferma Varasano – che le uniche armi che noi vogliamo imbracciare sono quelle del dialogo, dell’intelligenza, della socialità, del rispetto”.

Fra i convenuti anche Argentina, la vedova di Marco. A raccogliere e consegnare il testimone di una decisa volontà di sbeffeggiare la violenza e chi la pratica in ogni sua forma.

Quel libro-documento è ancora un prototipo esemplare di arte e di cultura. Ne parleremo nella rubrica LETTI PER VOI. Ricorda Prevignano: “Il ricavato dalla vendita del ricco catalogo edito da Ali&no è stato devoluto ad organizzazioni non governative operanti in zone di guerra”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Pensando all'Ucraina. Inaugurata la mostra “Disarmati” in via Oberdan

PerugiaToday è in caricamento