rotate-mobile
Attualità

VISTI PER VOI Massimiliano Gallo tira giù il Morlacchi

Una pièce di Ivan Cotroneo per ridere e riflettere su sesso e sentimenti

Massimiliano Gallo tira giù il Morlacchi. Una nuova pièce di Ivan Cotroneo, in anteprima nazionale, per ridere e riflettere su sesso e sentimenti.

Ma anche uno spaccato di carattere sociale e antropologico sull’inquietudine e l’instabilità sentimentale, sulla crisi della famiglia, sugli strizzacervelli che accreditavamo solo ai film di Woody Allen.

La storia di un incontro casuale fra un uomo e una donna che si avvalgono della stessa analista e che, per placare ansia, “un po’ per celia e un po’… per non morir”, finiscono con l’unire le rispettive solitudini e ritrovarsi a letto. Diventare “amantes”, come Paco e Luisa di Aranda, con passione e complicità.

La vicenda si dipana in modo fluido e brillante, con ogni attore nel ruolo: oltre a Massimiliano Gallo e Fabrizia Sacchi, Orsetta De Rossi, Eleonora Russo e Diego D’Elia.

Personaggi tutti centratissimi. Impossibile non divertirsi alle evoluzioni ginniche della versatile psicanalista e agli equilibrismi linguistici di Massimiliano Gallo che, nei tempi, evoca Troisi.

Gallo è strepitoso, ma grande merito va all’autore, smaliziatissimo e raffinato, anche in situazioni mascherate dietro l’apparente banalità del quotidiano.

Ci sono dei passaggi che strappano risate dolci-amare. Che ci fanno intercettare un sentire comune, spesso celato perfino a noi stessi. Cito la tirata sulle feste di Natale e quella sull’insopportabilità dei figli. Con la spassosa ironia sull’arte contemporanea, talvolta indecifrabile.

Uno spettacolo già rodato, fluidissimo, pronto per raccogliere consensi generalizzati. Gallo, peraltro, è anche cantante di rango (buon sangue non mente) e ci offre una perfetta esecuzione di “Mi sono innamorato di te”, uno dei pezzi più belli e strazianti di Tenco. Magari il passaggio risulta un po’ fuori contesto, con l’attore da solo a meditare su un amore nato perché “non aveva niente da fare”. Quasi una confessione al pubblico protestando un sentimento vero. Un siparietto canoro appiccicato alla vicenda e che non aggiunge più di tanto.

La commedia brillante si fa amara nel finale, quando prevalgono il conformismo e il senso di colpa col ritorno di Claudia dal marito, sebbene incinta dell’amante. Che ha capito tutto e sta al gioco. Chiedendo solo di vedere, ogni tanto, quella bambina. Una nota di amarezza che chiude in perfetta sintesi la vicenda. Una pennellata dolce-amara di raffinata scrittura.

Ottime le citazioni musicali (Nada, Vanoni, un Paoli strumentale stupendo). Anche se è impossibile non rilevare qualche discronia fra le canzoni d’epoca d’antan e l’uso massiccio del telefonino, vero deus ex machina del meccanismo narrativo. Insomma un presente con citazioni tra la fine dei Sessanta e i primi Settanta (qualche decennio prima del cellulare).

Buttata lì: e se il finale avesse previsto la fuga di Giulio con la dottoressa Cioffi? Meditate, autori, meditate!

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

VISTI PER VOI Massimiliano Gallo tira giù il Morlacchi

PerugiaToday è in caricamento