Martedì, 18 Maggio 2021
Attualità

Monteluce, per non dimenticare l'attivista trucidato a soli 18 anni, la rotatoria porterà il suo nome

"Contro ogni forma di violenza" la rotatoria di Monteluce da oggi in avanti sarà dedicata al giovane Sergio Ramelli

"Il ricordo delle essere uno spunto di riflessione per le nuove generazioni". Porterà il nome di Sergio Ramelli - l'attivista ucciso a 18 anni - la rotatoria (tra via del Giochetto e via del Favarone) del quartiere di Monteluce, che oggi ha dato vita a una sentita inaugurazione alla presenza dell’assessore Dramane Wagué, presidente della commissione toponomastica, l’assessore On. Emanuele Prisco, il presidente del Consiglio comunale Leonardo Varasano, il consigliere di FI e promotore dell’iniziativa Carlo Castori, la consigliera di Fdi Clara Pastorelli, e l’On. Gallinella.

Aprendo la cerimonia l’assessore Wagué ha voluto sottolineare che la scelta di intitolare la rotatoria a Sergio Ramelli rappresenta un doveroso gesto di riconoscimento nei confronti di un ragazzo, barbaramente ucciso a 18 anni. Dunque l’iniziativa assume una significativa rilevanza per la città di Perugia. Wagué, nel ringraziare il consigliere Castori per aver proposto l’intitolazione a Ramelli, ha tenuto a precisare che la scelta è stata unanimemente condivisa sia dalla commissione toponomastica che dalla giunta comunale.

Sergio Ramelli, nato a Milano il 6 luglio 1956, è stato un attivista italiano, militante e fiduciario del Fronte della Gioventù (organizzazione giovanile del Movimento Sociale Italiano), vittima di un assassinio politico avvenuto nel 1975 a opera di militanti della sinistra extraparlamentare legati ad Avanguardia Operaia. Morì a Milano il 29 aprile 1975, 48 giorni dopo l’aggressione subita il 13 marzo 1975 in via Paladini.

“L’intitolazione a Sergio Ramelli – ha spiegato il consigliere Carlo Castori - vuole rappresentare, oltre che un doveroso tributo ad un giovane ucciso barbaramente a soli 18 anni per le sue convinzioni politiche, anche e soprattutto, la condanna dell’uso della violenza, sia fisica che verbale, come strumento per affermare le proprie ideologie". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monteluce, per non dimenticare l'attivista trucidato a soli 18 anni, la rotatoria porterà il suo nome

PerugiaToday è in caricamento