rotate-mobile
Attualità Magione

VISTI PER VOI La vendetta è un piatto che si gusta… freddo

La Francini propone, al magionese Mengoni, il proprio Manuale di sopravvivenza per donne tradite… e traditrici

La Francini propone, al magionese Mengoni, il proprio Manuale di sopravvivenza per donne tradite… e traditrici. Perché la vendetta è un piatto che si gusta… freddo.

Sul palcoscenico “Coppia aperta quasi spalancata” di Dario Fo e Franca Rame. Fabula hodierna, un po’ attuale… con qualche acciacco.

Spaccato antropologico di assoluta “fedeltà all’infedeltà”. Almeno da parte del maschio/macho. Favola tragicomica, in cui il comico non è che l’altra faccia del tragico quotidiano. Quello per cui il fedifrago è “svelto” mentre la fedifraga è “una poco di buono”, per usare una litote.

La pièce è interpretata da Chiara Francini e Alessandro Federico, diretti da Alessandro Tedeschi.

Il teatro Mengoni è sold out. Forse anche per l’effetto Sanremo che ha sempre il suo peso. E la televisione è il medium che l’ha più “pubblicizzata”.

Anche se la Francini, dallo sciolto scilinguagnolo, non ha bisogno di promozione. E riesce a nascondere assai bene le sue risorse culturali: al suo attivo, oltre alla fiorentinità, una laurea in italianistica maxima cum laude. Non certamente una sconosciuta. Almeno per chi abbia frequentato le sale del grande schermo (una venticinquina di film) e i teatri (una ventina di produzioni).

Una riflessione caustica sulle rivoluzioni sessantottine e sulla critica alla società borghese. Un testo datato ben 40 anni fa. Proposto con recitazione espressionistica, caricata e parossistica.

Il tutto offerto con intelligenza e freschezza. Col pubblico in visibilio. Come era giusto che fosse. Almeno per una platea complice. E in cerca di ilarità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

VISTI PER VOI La vendetta è un piatto che si gusta… freddo

PerugiaToday è in caricamento