rotate-mobile
Attualità

INVIATO CITTADINO Via Bonaparte Valentini, quel marciapiedi inagibile va liberato

Poco prima del mezzogiorno di ieri, una signora che stava percorrendo a piedi la ripida Via Maria Bonaparte Valentini, in zona Elce, cade a terra e batte il viso perdendo molto sangue

Via Bonaparte Valentini, donna cade e si infortuna seriamente. Lo stato della strada non è ottimo (vari riporti e dislivelli, dovuti a scavi)… ma in giro si vede di peggio.

Poco prima del mezzogiorno di ieri, una signora che stava percorrendo a piedi la ripida Via Maria Bonaparte Valentini, in zona Elce, cade a terra e batte il viso perdendo molto sangue.

“Il fatto è – spiega un residente di prossimità – che il corrimano cui reggersi è contenuto all’interno di una recinzione di cantiere, legata a lavori urgenti da eseguire, per caduta di frammenti di cemento dai marcapiano e dai terrazzi”.

Anche per questo, la donna non ha potuto tenersi. Sta di fatto che perdeva molto sangue ed è stato allertato il 118. Dato che i soccorsi tardavano ad arrivare, alcuni studenti (tra i quali uno che doveva frequentare Medicina) hanno soccorso e tranquillizzato la donna, fino all’arrivo dell’ambulanza.

“Quelle transenne – dice un residente – stanno lì da ferragosto e sarebbe il caso di intervenire per mettere in sicurezza il marciapiedi sottostante, che al momento è chiuso. E liberarlo rendendolo percorribile”.

Effettivamente, quella rete in plastica rossa limita la carreggiata di un tratto stradale molto trafficato, anche perché a valle c’è la scuola Leonardo da Vinci frequentata da numerosi studenti. Specie all’ora di entrata e al termine delle lezioni, ragazzi e adulti percorrono a frotte via Bonaparte Valentini. Non potendo camminare sul marciapiedi, attualmente recintato, impegnano la strada in una condizione di minor sicurezza. Sarebbe opportuna, nelle ore di punta, la presenza della Municipale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Via Bonaparte Valentini, quel marciapiedi inagibile va liberato

PerugiaToday è in caricamento