Martedì, 19 Ottobre 2021
Attualità

INVIATO CITTADINO Al Manu la fruizione del Cippo perugino è assicurata anche a ciechi e ipovedenti

Soddisfazione della direttrice del Manu, Maria Angela Turchetti, che ha tenuto una splendida relazione di apertura

Al Manu la fruizione del Cippo perugino è assicurata anche a ciechi e ipovedenti.

Un gemello artificiale. Non solo la rinnovata installazione della pietra parlante, stele in travertino reperita a Perugia, sulla collina di San Marco, nel 1822.

La copia è stata realizzata con un software open source (ossia, liberamente utilizzabile) e una stampante 3D. Ecco cosa significa accessibilità: possibilità di vedere con la mano, percorrendo solchi perfettamente riprodotti grazie a procedimenti semplicemente inimmaginabili fino a qualche anno fa.

Il reperto bis è, ovviamente, tridimensionale. Parte da una serie di scatti ad alta definizione che inquadrano l’antico manufatto da diverse prospettive.

Il progetto installazione, della copia e delle iscrizioni, oltre che del dipinto di contestualizzazione alle spalle fa capo a VitArt, nelle persone di Paolo Ballerani e Federico Finocchi.

La giornata di cultura e socialità è stata completata dal concerto del “Trio Ars et Labor”, Pëtr Il’i? ?ajkovskij, trio per pianoforte, violino e violoncello in la minore op. 50, con Sara Gianfriddo, Héloïse Piolat.

Soddisfazione della direttrice del Manu, Maria Angela Turchetti, che ha tenuto una splendida relazione di apertura. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Al Manu la fruizione del Cippo perugino è assicurata anche a ciechi e ipovedenti

PerugiaToday è in caricamento