Malattie reumatiche, un accordo per assistere al meglio i malati: 90mila in Umbria

Intesa tra Usl 1 e Azienda ospedaliera per un servizio integrato a tutela dei pazienti

 

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, le malattie reumatiche costituiscono la prima causa di dolore e di disabilità in Europa. In Italia, circa il 10% della popolazione è colpita da malattie reumatiche e la spesa per la loro cura è di stimabile in 5-6 miliardi di euro. In Umbria sono 90 mila la persone affette da tali patologie, di queste 5mila sono soffrono di artrite reumatoide. Non meno rilevante è la problematica legata alla diagnosi e alla terapia dell’osteoporosi, visto che nella popolazione anziana, le fratture osteoporotiche sono una delle maggiori cause di mortalità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per affrontare una problematica così gravosa, in Umbria è stata introdotta una nuova organizzazione assistenziale integrata, tra l’Azienda Ospedaliera di Perugia e la USL Umbria 1, che garantisca l’appropriatezza dei percorsi, verifichi la congruità e la qualità delle prestazioni.

La nuova riorganizzazione è stata presentata a Palazzo Donini nel corso di un incontro a cui ha preso parte l’assessore regionale a Salute, Coesione Sociale e Welfare, Luca Barberini, il delegato del rettore, Franco Baldelli, il direttore sanitario della Usl Umbria 1 Pasquale Parise, il direttore sanitario dell’Azienda Ospedaliera Diamante Pacchiarini e il direttore della Struttura Complessa Interaziendale di Reumatologia, Roberto Gerli.

Potrebbe Interessarti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento