menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Magione, posticipato di due mesi il pagamento della prima rata della Tari

Il sindaco Chiodini: "Oltre a posticipare il pagamento della tariffa, si sta lavorando alla costituzione di un fondo di ristoro comunale per le aziende chiuse nei mesi scorsi a causa del lockdown"

 Posticipato di due mesi il pagamento della prima rata della tassa sui rifiuti (Tari), allo studio altre iniziative per dare supporto a famiglie e attività produttive su cui pesano le conseguenze economiche legate all’emergenza sanitaria da Covid-19.


“In questi giorni – ha comunicato il sindaco Giacomo Chiodini sulla propria pagina facebook – ci sarebbe stata la consueta scadenza dei bollettini Tari per i rifiuti. L'Amministrazione comunale ha però deciso di rinviare di due mesi l'invio dei bollettini e le relative scadenze. Oltre a posticipare il pagamento della tariffa, si sta lavorando alla costituzione di un «fondo di ristoro» comunale per le aziende chiuse nei mesi scorsi a causa del lockdown. Un'operazione particolarmente complessa di ridefinizione del bilancio del Comune su cui si sta impegnando il vicesindaco Massimo Lagetti con il supporto degli uffici ragioneria e tributi e di concerto con l'assessore all'ambiente Silvia Burzigotti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento