menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lutto per la rievocazione della corsa in moto Milano-Taranto, è morto il patron Franco Sabatini

Aveva 83 anni. I funerali in forma riservata domani a San Martino in Colle. La rievocazione della storica corsa ha tagliato i 34 traguardi

Lutto per la Milano-Taranto, la rievocazione storica della corsa che attraversa l’Italia. Franco Sabatini, fondatore della manifestazione, è morto, dopo una lunga malattia, all’età di 83 anni.

Del fondatore della rievocazione storica della Milano-Taranto resterà davvero tanto, più di tutto resteranno l'amore e la passione che animavano la sua esistenza da sempre. Ad esserne testimone è la moglie Wilma, per lui un pilastro e una vera e propria metà con cui condividere ogni aspetto della vita, e poi le figlie Lina, Natalina e Claudia, i generi Nicola, Stefano e Gabriele e gli adorati nipoti, Francesca, Luigi, Alessandro, Giacomo e Giulia.

Ad avere la fortuna di conoscere il grande cuore e l’entusiasmo di Franco Sabatini sono stati anche i tanti, tantissimi amici, i soci del Moto Club Veteran “San Martino” e tanti tra i partecipanti e gli affezionati della Milano-Taranto.

La cerimonia funebre si terrà sabato 28 novembre alle ore 15 nella Chiesa di San Martino in Colle, in forma ristretta, nel rispetto della normativa vigente.

Franco Sabatini, classe 1937, aveva iniziato a fare esperienza nell’officina del padre, aperta dal 1933 a San Martino in Colle e oggi ancora lì a rappresentare un pezzo di storia della città e un pezzo di storia del ciclismo e del motociclismo. L’attività, iniziata puntando sulla riparazione delle macchine agricole, si evolve, grazie anche al contributo di Franco, arrivando a costruire biciclette e motociclette.

La crisi petrolifera del 1973 porta un’impennata nella richiesta di biciclette e Franco Sabatini inizia a produrle avvalendosi anche dell’aiuto della moglie che, come raccontava lui stesso, diventò bravissima a montare le ruote. In poco tempo le Sabatini diventano un cult. Bici da corsa, completamente fatte a mano e su misura, usando tra l’altro materiali di altissima qualità, furono le prime biciclette con tre rapporti dentati e divennero molto richieste dai ciclisti amatoriali e non solo: Sabatini rifornì anche diverse squadre agonistiche.

Le Cicli Sabatini conquistarono anche Gino Bartali. Il campione di ciclismo ne vide una in mostra negli anni ’80, rimase colpito da quella creazione e chiamò Sabatini a lavorare per lui: una collaborazione che andò avanti per sei anni durante i quali si instaurò anche una relazione di profonda stima e amicizia.

“Lasciato Bartali sono tornato ai motori, mettendo a punto la strategia per realizzare il mio sogno di ragazzo, fare la Milano-Taranto, ormai soppressa da decenni. Avevo 50 anni e mi sono detto: caro Franco, se non te la organizzi da solo, non riuscirai mai a correrla. L’ho fatto… Ho avuto il nullaosta e me la sono organizzata. La prima è stata nel 1987, partenza all’Idroscalo di Milano a mezzanotte, 55 al via. Caddi a Bologna rompendomi la clavicola, ma io ho una pellaccia e sono sempre ripartito, perché a cavallo della moto rinasco. Infatti oltre ad organizzarle ne ho corse 24, col record di 300 partecipanti tre anni fa, difendendo questa mia creatura’ contro tutto e contro tutti” aveva raccontato al giornalista Claudio Sampaolo in un’intervista per le Storie della domenica che uscivano nell’allora Giornale dell’Umbria.

Le edizioni della Milano-Taranto sono 34, contando l’ultima, quella 2020, corsa in forma virtuale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento