rotate-mobile
Attualità

Liste di attesa in sanità in Umbria, Federconsumatori: "Il problema non è risolto: invitiamo i cittadini a denunciare i casi"

"Molti i cittadini che lamentano delle difficoltà ad accedere alle prestazioni sanitarie”

“Le liste di attesa non sono state abbattute e i cittadini che si lamentano delle difficoltà ad accedere alle prestazioni sanitarie sono in aumento” dichiara Paolo Del Caro, presidente di Federconsumatori Umbria. Alla fine del mese di giugno scorso Federconsumatori Umbria e Cgil regionale hanno lanciato, anche in Umbria, la campagna “Stop liste di attesa in sanità” e secondo quanto scritto nella nota della Cgil “enfaticamente la giunta regionale, negli stessi giorni, dichiarava che entro il mese di luglio le liste di attesa sarebbero state abbattute e tutti i cittadini avrebbero trovato le risposte ai propri bisogni sanitari”. 

Del Caro ha sottolineato: “la nostra campagna di informazione, sensibilizzazione e denuncia prosegue ed invitiamo i cittadini e le cittadine che vogliono denunciare casi a loro conoscenza o dei quali sono diretti protagonisti a recarsi presso le nostre sedi per attivare le procedure previste dalla legge, a garanzia del diritto di accesso alle prestazioni sanitarie”.

Come riportato nella nota della Cgil, le segnalazioni possono portare a risultati concreti, proprio come dimostra il caso segnalato a Federconsumatori: “Nei giorni scorsi, un cittadino umbro che aveva richiesto alcune prestazioni, scaduti i tempi previsti dalla normativa per l'erogazione del servizio, sulla base delle indicazioni ricevute da Federconsumatori, ha inviato una email all'azienda sanitaria interessata, intimando alla stessa l'erogazione della prestazione, in mancanza della quale, avrebbe attivato la diffida, chiedendo il pagamento da parte della stessa Usl della prestazione eventualmente erogata da strutture private”.

“Sappiamo che il cittadino interessato, dopo aver inviato la mail, è stato richiamato telefonicamente e nel giro di pochi giorni ha visto soddisfatta la propria richiesta presso una struttura pubblica – spiega ancora Del Caro – Questo è certamente un bene per il diretto interessato che si era rivolto a noi, ma non può essere questo il metodo attraverso il quale il sistema sanitario dell'Umbria risponde alle esigenze dei cittadini, che dovrebbero poter accedere alle prestazioni nei tempi stabiliti senza sollecitazioni o diffide. Chiaramente non ci tireremo indietro se dovessero presentarsi altri casi simili e proseguiremo nella nostra campagna Stop liste d'attesa (stoplistediattesa@federconsumatori.it) per supportare le cittadine e i cittadini nelle loro legittime richieste di salute”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Liste di attesa in sanità in Umbria, Federconsumatori: "Il problema non è risolto: invitiamo i cittadini a denunciare i casi"

PerugiaToday è in caricamento