“Grazie Perugia e grazie ospedale: hai accolto i miei figli e mi hai curato”

La lettera di ringraziamento di un paziente trasferitosi in Umbria e tornato a vivere dopo un complesso intervento chirurgico

“Grazie Perugia, mi hai salvato la vita e ridato dignità”. È la toccante lettera che Vincenzo, 80 anni, anni, originario della Puglia, da qualche anno trasferitosi in provincia di Perugia, per riunirsi con i familiari che vivono e lavorano a Perugia, ha voluto indirizzare al personale del Santa Maria della Misericordia: “Se ho potuto trascorrere un Natale dignitoso lo devo ai medici della Gastroenterologia, ero in cura da oltre due anni per una malattia che mi impediva di alimentarmi e che aveva provocato un gravissimo dimagrimento .Dopo un difficile intervento chirurgico, le miei condizioni di salute sono nettamente migliorate ed ho ripreso una alimentazione normale ed ora posso nuovamente condividere momenti conviviali con figli e nipoti. Ho già provveduto - prosegue la lettera - a ringraziare molti medici, ma desidero farlo anche pubblicamente per la professionalità e le qualità umane che ho riscontrato. Desidero dire grazie di cuore ai dottori Raffaele Manta, Ugo Germani e Danilo Castellani e al professor Gabrio Bassotti, e non dimentico certo i medici anestesisti e il personale infermieristico. Davvero bravi e disponibili”.

Il paziente, riferisce l’ospedale, era stato sottoposto. per una acalasia esofagea, qualche mese fa ad un intervento di miotomia endoscopica dell’esofago, un intervento di alta specializzazione eseguito dai medici della Gastroenterologia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella lettera, il signor Vincenzo racconta anche di essersi trasferito in Umbria per l’ alta qualità dei servizi sanitari, dopo averne avuto conferma dai familiari. “Perugia non ha solo accolto i miei figli, che hanno trovato la loro strada dopo gli studi, con soddisfazioni umane e professionali. In questa città i medici mi hanno salvato la vita e sono grato a città e ospedale, al personale tutto, capace di affrontare le molteplici problematiche dovute alla malattia esofagea prima dell’intervento - ha sottolineato – Sono stato ricoverato anche nei reparti di Medicina vascolare e Chirurgia vascolare e non posso dimenticare nei miei ringraziamenti i medici della Radiologia e il reparto di Neurologia che ha contribuito alla difficile diagnosi. Se ora la mia vita è di nuovo accettabile, lo devo alle persone che lavorano nell’ospedale della mia città del cuore, a cui va la mia infinita gratitudine”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Umbria, follia al supermercato: gira senza mascherina e prende a testate l'uomo che gli chiede di indossarla

  • I migliori ristoranti di Perugia, la classifica dei primi dieci

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento