menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lago Trasimeno, lotta ai chironomidi: ancora larvicida per arginarli. E spunta il 'problema' coleotteri

I trattamenti, a cadenza settimanale, sono tuttora in corso: "Si invitano le strutture ricettive a dotarsi di lampade a luce gialla o arancione. Nelle zone interne attenzione ai coleotteri carabidi"

Ancora larvicida per arginare la piaga dei chioromidi al lago Trasimeno.  "L’attività di controllo, finanziata dalla Regione Umbria e dall’Unione dei Comuni del Trasimeno, ha consentito lo svolgimento dei trattamenti effettuati dall’Unità operativa Igiene e Sanità Pubblica della Usl Umbria 1", spiega una nota della Usl. Gli interventi "sono iniziati a maggio, in ritardo di un mese rispetto allo scorso anno a causa del lockdown, ma i risultati ad oggi sono comunque positivi, grazie ad interventi settimanali che hanno coperto costantemente il bacino lacustre. In questi giorni, inoltre, è terminato il settimo turno di distribuzione del larvicida".

E ancora: "Si sono verificati due momenti di sfarfallamento più importanti, alla fine di giugno e nella prima settimana di luglio, che hanno interessato in particolare la costa di Magione, eventi che, comunque, si sono conclusi in circa tre giorni. Dai campionamenti dei fondali effettuati in collaborazione con il dipartimento di Chimica, biologia e biotecnologie dell'Università di Perugia si sta evidenziando un trend di contenimento della popolazione larvale di chironomidi". 

Continuano anche il monitoraggio dei fondali e lo studio di attrezzature di cattura degli adulti di chironomide che viene effettuato periodicamente grazie alla ricerca finanziata dalla Fondazione Brunello e Federica Cucinelli d'intesa con Università, Usl Umbria 1 e Unione dei Comuni del Trasimeno.

La Usl Umbria 1" si sta adoperando per limitare quanto più possibile il prossimo sfarfallamento, che di norma avviene verso la seconda metà di agosto, continuando ad effettuare i trattamenti con il larvicida biologico. Dall’ultima settimana di luglio sono iniziati anche i trattamenti mirati delle tofolamp, dove si addensano le popolazioni di adulti", prosegue la nota.

E ancora: "Per evitare i fastidi, si invitano le attività ricettive a limitare quanto più possibile le fonti luminose bianche che attirano maggiormente i chironomidi. L'impiego di luci gialle o arancioni o l’applicazione alle lampade di luci bianche di semplici pellicole di questi colori nelle aree ristoro e camping riduce di molto l’attrazione degli insetti".

Poi c'è un nuovo 'problema': i coleotteri. "Insieme ai chironomidi - sottolinea la Usl - , nelle aree interne del Trasimeno, questa estate hanno creato problemi i coleotteri carabidi, che, nei periodi di gran caldo, possono dirigersi in massa verso le abitazioni. Numerose attività alberghiere e agrituristiche, infatti, lamentano l’ingresso di questi insetti che assomigliano a scarafaggi, per cui i clienti denunciano condizioni di scarsa igiene. Ma i coleotteri carabidi oltre a non comportare alcun problema sanitario sono anche utili, in quanto si cibano di altri insetti. L’unica accortezza è, anche in questo caso, limitare le luci bianche all’ingresso delle strutture e rimuovere eventuali intrusi alla mattina". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento