“La buona sanità esiste e io ne sono testimone diretto. A Perugia una vera eccellenza italiana”

La lettera di un perugino elogia il personale sanitario del Santa Maria della Misericordia per professionalità e umanizzazione delle cure

"Da paziente e da cittadino di Perugia - scrive in una lettera indirizzata alla direzione del Santa Maria della Misericordia, Silvano Corbucci, che chiede espressamente di dare evidenza alla sua testimonianza - recentemente sono dovuto ricorrere alle cure della struttura ospedaliera da voi diretta. Non della malattia che mi ha colpito, che sento ormai definire ‘il male del secolo’, un tumore, porto e porterò per sempre i segni, ma, grazie alle cure ricevute, io come tanti possiamo dire di continuare a sperare, a vivere e, soprattutto, a testimoniare".

Aggiunge Corbucci: "Sono mosso da un sincero e profondo sentimento di stima, in periodi in cui spesso si sente parlare di malasanità in Umbria e, purtroppo, in Italia, e non posso non constatare il notevole livello di competenze professionali della struttura sanitaria pubblica ospedaliera. In particolare mi riferisco alla Chirurgia Generale e d’Urgenza diretta dal professor Annibale Donini, nella quale sono stato ricoverato. Non posso non ringraziare quest'ultimo, una ‘eccellenza italiana’, che rappresenta il perfetto connubio di professionalità e umanità, di chi lavora mosso da una passione personale che trasmette visibilmente all’intera equipe e, cosa non scontata né semplice, al paziente, con attenzione al lavoro ma predisposto a prendersi cura del prossimo, incarnando tutti i valori ed i principi del giuramento di Ippocrate, a suo tempo prestato e, ad oggi, indubbiamente onorato".

"Della stessa Unità operativa - aggiunge Corbucci -  intendo esprimere ulteriore particolare ringraziamento e gratitudine ai dottori Emanuele Rosati e Luigina Graziosi, che mi sono stati accanto con massima gentilezza, disponibilità, capacità professionale, competenza, supportandomi e sopportandomi a qualsiasi ora, in qualsiasi giorno. Inoltre intendo ringraziare il dottor Marco Lupattelli della Radioterapia Oncologica e tutto lo staff di contorno, che in ogni momento, fino dalle prime diagnosi e terapie, con gentilezza non scontata, mi hanno accudito con straordinaria disponibilità, informando me e i miei familiari in maniera chiara e diretta, usando sempre la dovuta attenzione, cortesia e cura nelle parole.  Da ultimo e non certo per ultimo, un grazie a tutto il personale infermieristico delle strutture menzionate che si è prodigato a per alleviare i disagi della malattia sempre con garbo e serenità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

Torna su
PerugiaToday è in caricamento