“La buona sanità esiste e io ne sono testimone diretto. A Perugia una vera eccellenza italiana”

La lettera di un perugino elogia il personale sanitario del Santa Maria della Misericordia per professionalità e umanizzazione delle cure

"Da paziente e da cittadino di Perugia - scrive in una lettera indirizzata alla direzione del Santa Maria della Misericordia, Silvano Corbucci, che chiede espressamente di dare evidenza alla sua testimonianza - recentemente sono dovuto ricorrere alle cure della struttura ospedaliera da voi diretta. Non della malattia che mi ha colpito, che sento ormai definire ‘il male del secolo’, un tumore, porto e porterò per sempre i segni, ma, grazie alle cure ricevute, io come tanti possiamo dire di continuare a sperare, a vivere e, soprattutto, a testimoniare".

Aggiunge Corbucci: "Sono mosso da un sincero e profondo sentimento di stima, in periodi in cui spesso si sente parlare di malasanità in Umbria e, purtroppo, in Italia, e non posso non constatare il notevole livello di competenze professionali della struttura sanitaria pubblica ospedaliera. In particolare mi riferisco alla Chirurgia Generale e d’Urgenza diretta dal professor Annibale Donini, nella quale sono stato ricoverato. Non posso non ringraziare quest'ultimo, una ‘eccellenza italiana’, che rappresenta il perfetto connubio di professionalità e umanità, di chi lavora mosso da una passione personale che trasmette visibilmente all’intera equipe e, cosa non scontata né semplice, al paziente, con attenzione al lavoro ma predisposto a prendersi cura del prossimo, incarnando tutti i valori ed i principi del giuramento di Ippocrate, a suo tempo prestato e, ad oggi, indubbiamente onorato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Della stessa Unità operativa - aggiunge Corbucci -  intendo esprimere ulteriore particolare ringraziamento e gratitudine ai dottori Emanuele Rosati e Luigina Graziosi, che mi sono stati accanto con massima gentilezza, disponibilità, capacità professionale, competenza, supportandomi e sopportandomi a qualsiasi ora, in qualsiasi giorno. Inoltre intendo ringraziare il dottor Marco Lupattelli della Radioterapia Oncologica e tutto lo staff di contorno, che in ogni momento, fino dalle prime diagnosi e terapie, con gentilezza non scontata, mi hanno accudito con straordinaria disponibilità, informando me e i miei familiari in maniera chiara e diretta, usando sempre la dovuta attenzione, cortesia e cura nelle parole.  Da ultimo e non certo per ultimo, un grazie a tutto il personale infermieristico delle strutture menzionate che si è prodigato a per alleviare i disagi della malattia sempre con garbo e serenità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Università di Perugia, due nuovi corsi di laurea magistrale: Scienze della Terra per la Gestione dei Rischi e dell'Ambiente e Geology for Energy Resources

  • "A Norcia 53 immigrati positivi al Covid19": la bomba sganciata in prima serata. Poi la dura smentita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento