menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Bilancia della Salute | La Telemedicina ci sta cambiando la vita...e la salute: tutto quello che c'è da sapere

di Francesca Castellani Presidente “ La Bilancia della Salute “
L’innovazione tecnologica ha modificato il nostro modo di vivere, pensiamo quanto sia facile ora essere virtualmente presenti in più posti, come sia semplice contattare qualcuno anche dall’altra parte del mondo o avere un’informazione con un semplice click. Tutto ciò può essere utile in ambito sanitario? Certamente, ce ne siamo soprattutto resi conto in questo periodo di emergenza sanitaria da Covid in cui era necessario dare o avere un servizio senza contatto interpersonale. La telemedicina è l’erogazione di servizi sanitari a distanza sia per la diagnosi che per la terapia, utilizzando l’insieme di tecniche mediche ed informatiche. Come tutte le cose va utilizzata sfruttando al massimo i benefici che sono innumerevoli , ma come integrazione ed aiuto ai metodi di diagnosi e terapia tradizionali e mai come sostituzione

Pensiamo alla nostra popolazione,con una diminuzione della mortalità e quindi un crescente numero di anziani con difficoltà a spostarsi,specialmente se residenti ad esempio in zone rurali con poco collegamento con l’ospedale di riferimento e un conseguente aumento di patologie croniche che necessitano di un continuo monitoraggio. La telemedicina offre in tali casi un’equità di accesso alle cure, un miglioramento della vita delle persone affette da patologie croniche attraverso una auto gestione, un monitoraggio da remoto e di conseguenza minore ospedalizzazione. Non solo nell’ambito delle patologie croniche può avere applicazione la tecnologia in
sanità,ma anche in quelle situazioni di emergenza ed urgenza in cui la tempestività delle informazioni cliniche sono fondamentali per la gestione del paziente critico e talvolta per salvare la vita.

Da non sotttovalutare che la disponibilità di informazioni in tempi brevi e sincroni fra vari attori coinvolti nel processo di diagnosi e cura, permettendo di dare risposte più tempestive, riduce i rischi di complicanze e migliora la compliance del farmaco; tutto ciò ottimizzando anche l’uso delle risorse. Ad oggi non esiste una vera normativa specifica in materia di telemedicina, ma vengono rispettate le norme vigenti in tema di protezione della privacy e dei dati sensibili . Esistono comunque da diversi anni delle precise linee guida pubblicate dal Ministero della Salute che definiscono gli ambiti e le finalità di applicazione.

La Commissione Salute della conferenza delle Regioni a fine luglio ha proposto un documento specifico sulla televisita, un altro aspetto della telemedicina, con le regole omogenee per l’erogazione delle prestazioni ambulatoriali a distanza, ma a tal proposito il Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici ha chiesto un tavolo di confronto permanente per valutare alcuni aspetti della televisita che non sono proprio conformi al codice di deontologia medica.

Siamo quindi in attesa di più precise indicazioni. A mio parere la telemedicina può essere di grande aiuto per gli aspetti sopra indicati, ma il rapporto diretto con il paziente non potrà mai essere sostituito con quello puramente virtuale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento