Lunedì, 20 Settembre 2021
Attualità

INVIATO CITTADINO Perugia, restauri esemplari al Duomo: anche il palco rispetta le strutture

Al lavoro per la costruzione del palco sulle scalette di San Lorenzo: si lavora solo con materiali naturali, vale a dire legno. Brunello Cucinelli docet: "Custodi di bellezza"

Restauri esemplari alla chiesa cattedrale. Anche il palco nel rispetto delle strutture. Brunello Cucinelli docet: “Non commettete sacrilegio: quelle pietre con si bucano!”. L’Impresa Petri Costruzioni si attiene alle indicazioni.

Al lavoro per la costruzione del palco sulle scalette di San Lorenzo. Si lavora solo con materiali naturali: vale a dire legno. E, per adesso, tubazioni metalliche non se ne vedono. Si sa che saranno ridotte all’essenziale.

Intanto si è all’opera per un supporto con tavole inchiodate sulle quali verranno piazzati i servizi per gli addetti (più a destra) e gli attrezzi di lavoro (più verso la scultura di Danti).

Non un solo buco sulle pietre. “Utilizzeremo - dice un addetto - solo i fori già esistenti”. Non parliamo poi del rivestimento che sarà proibito ferire in qualunque modo.

In attesa della conferenza prevista per giovedì, siamo in grado di anticipare alcune indiscrezioni.

Non solo restauro della struttura e ripulitura del rivestimento, in marmi bianchi e rossi intagliati, ma anche restitutio ad integrum delle opere d’arte.

Primo, il portale del Bastoni, sul quale – relativamente alla parte lignea – ha sempre messo le mani solo Gustavo Sanchirico.

Poi la Madonnina dello scultore perugino Aroldo Bellini nella nicchia. Ricorderemo in altro servizio alcune notizie di carattere storico-artistico di sicuro interesse.

Il pulpito rinascimentale di San Bernardino sarà pure soggetto a ripulitura. Come anche la statua bronzea di Paolo III, di Vincenzo Danti. Forse anche il crocifisso della guerra del Sale, opera di Polidoro Ciburri, sopra il portale dello Scalza

Insomma: una serie di interventi dei quali si avvertiva da tempo la necessità. Si sa che, quando Brunello ci si mette e apre il portafoglio, le cose vanno per il verso giusto. Adempiendo il dovere di “custode del bello” cui il principe del cachemire si attiene da sempre. Cos’altro dire, se non “lunga vita al mecenate di Solomeo”?

Sandro Francesco Allegrini

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Perugia, restauri esemplari al Duomo: anche il palco rispetta le strutture

PerugiaToday è in caricamento