menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

È arrivata in Umbria la meravigliosa foglia di Aguleri, panacea per tutti i piccoli disturbi

La pianta, in forma d’arbusto, era coltivata nel podere Tregine, poi l’attività si è trasferita nel Comune di Corciano e, più recentemente, nel magionese

È arrivata in Umbria la meravigliosa foglia di Aguleri, pianta officinale, panacea per tutti i piccoli disturbi. Proviene dalla Nigeria, più esattamente dal Biafra. L’ha portata l’Associazione Culturale English Catholic Community Perugia (che dispone anche di una pagina Facebook). Al vertice della cooperativa agricola che ne è emanazione sta un africano da tempo residente a Perugia. Il suo nome è William Edoziogor (in foto mentre raccoglie la foglia in questione), attivo promotore di iniziative in ausilio di tanti africani giunti qui da noi. Si pensi che la Comunità si occupa anche di ospitare sacerdoti che abbiano necessità di apprendere la lingua italiana.

William è sposato con quattro figli, tutti bellissimi, che frequentano la scuola con profitto. Ho tenuto in braccio Willis, il più piccolo che ora è alle medie.

La cooperativa agricola non coltiva solo questa pianta, ma anche diverse verdure e ortaggi di origine africana. Ci torneremo in un prossimo servizio.

Quali le proprietà della pianta (specie delle foglie)? L’elenco è lunghissimo e radica nella tradizione medico-antropologica nigeriana. Si parla di proprietà di tipo diuretico, fluidificante, disintossicante, antiossidante, anticatarrale, antipertensivo, depurativo, digestivo, decongestionante, antiallergico, cardiotonico, antipiretico. Ma l’infuso aiuta anche il rinforzo dei capillari e il potenziamento muscolare. È pure antidolorifico, tanto che nel villaggio di William viene somministrato anche alle donne gravide, prima e durante il parto.

Come si prepara?

Il preparato si ottiene ponendo 4/5 foglie in una teiera da 500 cl. scaldando, senza portare a ebollizione. L’infuso, gradevole al palato, si consuma com’è, senza aggiunta di dolcificante.

Come si usa?

Il prodotto viene tradizionalmente usato come pianta officinale in Nigeria, per ricavarne infusi da consumare da una a tre volte nella giornata.

La pianta, in forma d’arbusto, era coltivata nel podere Tregine, poi l’attività si è trasferita nel Comune di Corciano e, più recentemente, nel magionese.

Le foglie in busta sono in quantità sufficiente per almeno un mese. Si vendono (insieme ad altri prodotti biologici) in quattro mercatini rionali di Perugia. Il costo è irrisorio, ma si può anche fare un’offerta per sostenere le meritorie attività benefiche della Community.

Dove si trova?

La prima domenica di ogni mese, in piazza Piccinino, dalle 8 alle 18 nel mercatino “Umbria terra viva.

Il secondo sabato di ogni mese al “Mercatezio” di San Marco dalle 8:30 alle 13:30.

Il terzo sabato del mese a “Terra fuori mercato” di Ponte San Giovanni, dalle 8:30 alle 13:30.

Infine al “Mercatino dell’Elce”, il quarto sabato di ogni mese, sempre con orario 8:30-13:30.

Testimonianza personale. L’Inviato Cittadino utilizza la foglia di Aguleri. Detto fra noi, attribuisce a questa terapia ‘casareccia’ parte del merito di averlo aiutato a uscire da una non facile situazione di salute.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento