INVIATO CITTADINO La storia delle Sapienze perugine, una pagina inesplorata

Lavori in corso in via Bartolo, al palazzo del Collegium Oradinum, collaterale all'Università degli Studi di Perugia

Lavori in corso al civico 34 di via Bartolo. Si rifà la facciata della Sapienza Oradina, antica università. Era ormai ridotta all’ecce homo, con sbriciolamenti, sfaldamenti, cadute di pezzi d’intonaco. Una bruttezza che inquinava fortemente il portale impreziosito dall’antico stemma e dalla scritta “Collegium Oradinum” sull’architrave. In quel cameo si vedono gli allievi e i Maestri della famosa istituzione di sapere teologico.

Un po’ di storia… per sapere di più sulle antiche Istituzioni formative della Vetusta. C’erano una volta le Sapienze Bartolina e Oradina, collaterali allo Studium perusinum, che ha celebrato i sette secoli di vita. Vediamo di che si trattava.

La Sapienza Bartolina. Fra le antiche istituzioni formative, dopo l’Universitas, viene il collegio detto Sapienza Bartolina, fondato nel 1575. L’Istituzione cittadina nacque dalla volontà di un privato, il giurista Marco Antonio Bartolini, personaggio che non aveva avuto vita facile. Tanto che, fra le altre traversie, dovette subire l’esilio a causa della Guerra del Sale. Quando i perugini, per protestare contro l’aumento di questo genere alimentare fondamentale per l’alimentazione, scelsero di opporsi agli aumenti sanciti dallo stato pontificio abituandosi al “pane sciapo”.

Bartolini decise dunque di fondare a Perugia un collegio per sostenere gli studi in diritto o in medicina a favore di 12 studenti: 8 perugini, esclusi dagli altri collegi, 2 provenienti da Lucca e 2 da Genova. Città legate alla biografia del fondatore che vi aveva trovato ospitalità nel corso del suo esilio.

Al governo del Collegio: il vescovo della Vetusta, un priore dell’Ospedale e rappresentanti dell’Arte del Cambio.

 La Sapienza Oradina. Veniamo invece al palazzo sede di lavori in corso. Come accennato, scendendo per via Bartolo s’intercetta l’antica sede del Collegio Oradino. Fu fondato, qualche anno più tardi della Sapienza Bartolina, (1582) da Giulio Oradini, già vescovo della città e dottore di grande prestigio.

L’Istituzione avrebbe ospitato 5 chierici secolari perugini, di cui almeno quattro studenti in teologia. Il Collegio è ancora attivo fino all’Ottocento.

Questa delle Sapienze è un filone che varrebbe la pena di esplorare compiutamente, anche recuperandone e rivalutandone le sedi originarie.

Intanto la rimessa in ordine della facciata è di certo una buona notizia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Perugia: minorenne trovato in casa senza vita

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus, anche l'Umbria verso la "zona arancione": cosa si potrà fare e cosa sarà vietato

  • Umbria "arancione", Presidente Squarta: "E' assurdo". Lettera alle altre Regioni: "Uniti per ottenere subito soldi per i commercianti"

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 13 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 gennaio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento