rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Attualità

INVIATO CITTADINO Piazzetta Puletti, operazione conclusa. Ma l’asparago è sempre lì

Quando la burocrazia poté più della politica... e del buon senso

Piazzetta Puletti, operazione conclusa. Ma l’asparago è sempre lì. Peccato.

Ne abbiamo parlato, segnalandone la bruttura. Ma non c’è stato verso di schiodare la questione e la mostruosità rimane.

Il lavoro di robusta potatura è felicemente concluso. Con legittima soddisfazione della città e dei residenti di prossimità. Che dovevano tenere la luce accesa a mezzogiorno e si trovavano le fronde invasive di quei lecci fin sul tetto, a intasare le calate di gronda.

Operazione conclusa. Con l’Arco Etrusco illuminato dai riflettori, prima occultati dalla chioma delle piante cresciute a dismisura. Col vantaggio di discernere la tessitura muraria etrusca che discende da via Bartolo e dalla piaggia di San Fortunato. 

INVIATO CITTADINO Arco Etrusco ritrovato. La potatura dei lecci libera i riflettori incapsulati nella chioma e... luce fu

I potatori hanno conferito altrove i consistenti residui del taglio, hanno ripulito a dovere, concimato, cosparso di fertilizzante e terriccio il sottobosco (foto). Insomma: tanto di cappello e onore al merito.

Ma l’auspicato taglio di quel carciofo di cipresso è rimasto lettera morta. Pur essendo atto dovuto e necessità condivisa. 

INVIATO CITTADINO Piazza Grimana, spunta un "asparago" tra i lecci: urge rimuoverlo

Scrive lo storico Franco Mezzanotte, residente di prossimità: “Si tratta del residuo di una precedente stagione politica”. In effetti, chi sa ricorda che quella pianta venne improvvidamente messa a dimora di fronte al monumento che commemora le vittime palestinesi. Meritevoli di rispetto e memoria, per carità! Ma piantare un cipresso in mezzo a un boschetto di lecci non fu di certo un’idea brillante. Anche perché quell’essenza incongrua è diventata colossale, ma anche spelacchiata: oggi assai simile a un asparago.

Non ci voleva molto a tagliarla. Ma non si è voluto farlo.

Morale della favola. Quando è la burocrazia a dettare l’agenda alla politica, accadono queste enormità. Un tempo, il politico assumeva la responsabilità delle decisioni e si affidava agli uffici perché dessero gambe alle scelte, rendendole fattibili. Oggi pare non sia più così.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Piazzetta Puletti, operazione conclusa. Ma l’asparago è sempre lì

PerugiaToday è in caricamento