Mercoledì, 28 Luglio 2021
Attualità

INVIATO CITTADINO Claudio Spinelli, la promessa: "La Viola tornerà a farsi sentire"

L’assessore Francesco Calabrese risponde al nostro servizio e prende un solenne impegno con la città riguardo alla Viola

L’assessore Francesco Calabrese risponde al nostro articolo e prende un solenne impegno con la città circa il “rientro in servizio” della Viola.

Scrive, in risposta al pezzo, postato dall’Inviato Cittadino sul gruppo social “Amici dell’Accademia del Dónca. Precisando – con grande onestà – che è casuale la coincidenza tra la “prova di suono” della Viola, la campana maggiore di San Francesco al Prato, e il prossimo compleanno del poeta perugino Claudio Spinelli. Osserva Calabrese: “Ovviamente non lo sapevo, o non ci pensavo, contento che possa essere stata un’altra occasione per ricordare Claudio Spinelli”.

Segue una spigolatura personale di grande interesse: “Conobbi Claudio a Palazzo Cesaroni, quando ero giovane assistente di un suo collega, Consigliere regionale”.

A conferma dell’apprezzamento per la sua figura di poeta maximus della letteratura perugina: “Nella mia piccola libreria ci sono anche i suoi versi, personalità di saldo riferimento perugino, innanzitutto per i suoi profili di preziosa umanità”.

È ovvio che Calabrese si riferisce ai gustosi ritratti di personaggi “minimi” della Vetusta di un tempo, in omaggio a quella “poetica degli umili” che il poeta di Porta Eburnea celebrò nelle sue nove raccolte: Boco, Amato, Nicosia con le loro serenate, il falegname Pomice, Tabarrino con le sue sbornie, il giornalaio strillone Ciccillo dalla voce limpida, Memmo Miliocchi, maestro di vita. E tanti altri, degni di essere ricordati.

Segue l’impegno solenne che, anche se a fine mandato, Francesco Calabrese non mancherà di onorare, avendone predisposto gli strumenti: “La Viola tornerà a farsi sentire: va rifatto il collegamento elettrico, ma è un piccolo intervento, così da poterla presto rendere disponibile per San Bernardino”. Grazie a Francesco. Tanto più adesso che è un “ex” e tornerà a compulsare codici e a operare nelle aule di tribunale. Grazie all’uomo: la qualifica più importante, e irrinunciabile, che rimane per tutta la vita. L’unica degna di essere portata all’occhiello come una medaglia. Usque ad finem.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Claudio Spinelli, la promessa: "La Viola tornerà a farsi sentire"

PerugiaToday è in caricamento