rotate-mobile
Attualità

INVIATO CITTADINO Al Borgo Bello c'è chi lavora per dare luce e colore ai vicoli con decorazioni floreali

L’operazione si propone l’obiettivo di creare un plus valore estetico che conferisce ottimismo e serenità

Al Borgo Bello c'è chi lavora per dare luce e colore ai vicoli con decorazioni floreali. In tempo di coronavirus, è sempre meglio uscire di casa e fare qualcosa per abbellire l’ambiente, piuttosto che fare la muffa davanti al televisore. L’operazione si propone l’obiettivo di creare un plus valore estetico che conferisce ottimismo e serenità.

E non è un caso che questo trionfo di colori e di natura venga segnalato dal presidente della sezione perugina di Italia Nostra, l’amico architetto Luigi Fressoia, sempre attento a vigilare su danni al territorio, inteso come irrinunciabile bene comune. Ma altrettanto pronto ad elogiare quanti dimostrano sensibilità e buon gusto.

Stavolta, Fressoia comunica questa bella iniziativa spontanea, posta in essere da persone sensibili nei vicoli di corso Cavour. Luigi cita tre di questi attivisti del decoro urbano: Sara, Roberto e Nati.

Cosa fanno? Arredano con fioriere creative, ossia non acquistate, ma realizzate in proprio con gusto e pratica dell’economia circolare. Insomma: l’arte del riciclo è una delle virtù civiche da valorizzare. I pionieri della bellezza utilizzano, come fioriere-espositori, dei bancali di legno opportunamente trattati, tondini di ferro e quant’altro di economico e funzionale possono rimediarre, per fungere da supporti a vasi e fiori. Con l’occasione, c’è chi, in particolare, imbianca le pareti dilavate e stucca le pietre dei pavimenti. Prova di sensibilità e di convinto amore per quel bene di tutti che si chiama città.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Al Borgo Bello c'è chi lavora per dare luce e colore ai vicoli con decorazioni floreali

PerugiaToday è in caricamento