rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Attualità

INVIATO CITTADINO Al Sanfra con la Polizia di Stato. Una festa di tutti

Celebrato il 172.mo compleanno dalla fondazione con presenze istituzionali e non solo

In una nuova location che poco o nulla ha da invidiare rispetto a quella tradizionale al Tempio di S. Angelo.

All’evento, presenti anche tanti bambini e ragazzi, oltre ai familiari di quanti hanno ricevuto encomi e riconoscimenti.

Una vera educazione alla legalità, quella che si dipana in due distinte location: Piazza del Bacio a Fontivegge (con le note criticità) e, appunto, San Francesco al Prato, nella sfavillante veste di luogo vocato ad incontri di rango.

Il discorso del questore, ampio e approfondito, ha un taglio non solo celebrativo ma informativo e formativo lungo una linea che attraversa le generazioni, adeguatamente rappresentate da autorità e comuni cittadini.

Manifesta la consapevolezza del ruolo e dei compiti, proponendo esempi di valenza valoriale.

Seguito dal discorso del sottosegretario agli Interni, già  assessore all’urbanistica e allo sport al Comune di Perugia, Emanuele Prisco. Che afferma come, a differenza degli anni scorsi che lo hanno visto impegnato nell’evento nazionale, ha deciso di stare nella sua città. E parla a braccio, rinunciando al discorso precompilato ad hoc dai suoi collaboratori.

Evidenzia il riconoscimento del lavoro “sotterraneo” che non sfavilla sotto i riflettori, ma che dà conto dell’impegno discreto, umile, riservato, necessario presupposto per la sicurezza e il vivere civile.

Il questore Fausto Lamparelli funge da gran cerimoniere al conferimento degli attestati, consegnati da Prisco, Tesei, Squarta, Romizi, Proietti (per la politica) Gradone (prefetto), Matteini, Sottani, Ruperti, Cicchella, Petrazzini (per la magistratura), Iorio, Reda (militare).

Coi familiari che fanno a gara e riprendere i propri cari in un delirio di telefonini.

Emozione palpabile in tutti. E scoperta di un neologismo da ascrivere al bon ton istituzionale. Anziché la parola suicidio, abbiamo udito atto anticonservativo. Ma quel che conta è il fatto che diversi atti autolesionistici sono stati sventati dall’intervento coraggioso di tanti poliziotti. Salvaguardando, è perfino banale scriverlo, il valore più alto e irredimibile.

Foto - Al Sanfra con la Polizia di Stato per il suo 172.mo compleanno

(Foto Sandro Allegrini)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Al Sanfra con la Polizia di Stato. Una festa di tutti

PerugiaToday è in caricamento