rotate-mobile
Attualità

INVIATO CITTADINO In quel palazzo, in ascensore, non c'è proprio un cane... ingresso vietato

Notizia riportata per puro dovere di cronaca. Perché, in questo caso, ogni parola è superflua

Scrive una lettrice: “Qualche giorno fa, salendo in ascensore ho trovato questo avviso”. E manda uno scatto relativo a un impedimento a usare l’ascensore per traslochi, trasporto mobili e esplicitazione di un “divieto di introdurre cani in ascensore”

Avvertimenti e precauzioni per gli utenti del servizio.

Un avviso ad personam?

Scrive la signora: “Le faccio presente che nella scala sono l'unica ad avere un cane, un Golden Retriver di quasi 9 anni”.

L’utilità imprescindibile del servizio. “Abito al 6° piano e il mio cane (come tutti sanno) ha paura a salire e scendere le scale”.

Che fare?

“Ho telefonato al veterinario che lo segue. Mi risponde che è una crudeltà verso un essere vivente. Infatti Rey è pulito, vaccinato e buonissimo, come tutti i Golden”.

Un pensiero alla storia.

“A caldo, la prima reazione emotiva che ho avuto è stato un richiamo al triste avviso: "vietato l'ingresso ai cani e agli Ebrei....", come in epoca nazista.

Tempi diversi, ma fa tristezza pensare che la gente non cambia. Conclusione: “Mi domando: è mai possibile che nel 2022 succedano episodi di questo genere?”.

Una triste riflessione: “Capisco, raccogliendo messaggi trasversali attraverso il mio cane, che probabilmente non sono simpatica a più di una persona nel palazzo nel quale ho un appartamento da più di 20 anni”.

Notizia riportata per puro dovere di cronaca. Perché, in questo caso, ogni parola è superflua.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO In quel palazzo, in ascensore, non c'è proprio un cane... ingresso vietato

PerugiaToday è in caricamento