Giovedì, 28 Ottobre 2021
Attualità

Elio Grassi, il mister umanissimo e generoso nel ricordo di un ex allievo

Da Eros Lolli a Luciano Ghirga, da Massimo Piselli a Roberto Goretti, quante giovani promesse sono passate sotto le mani dell'allenatore recentemente scomparso

Elio Grassi, il mister umanissimo e generoso nel ricordo di un ex allievo. Classe 1932, uomo d’altri tempi, ma sempre attento al presente. Come lo fu nei confronti di tanti allievi che non erano solo calciatori, ma, prima di tutto, uomini da educare e instradare in corretti percorsi di vita e di lavoro.

Elio era rimasto orfano di madre all’età di dodici/tredici anni. Poi cresciuto col padre Daniele, uomo semplice e laborioso che lo ha educato alla vita.

Dalla sua scuola di calcio… e d’umanità sono usciti personaggi come Lamberto Boranga, il portierone che non conosce l’avanzare del tempo.

E poi Eros Lolli, medico di rango, che con Ghirga fu un piccolo fenomeno. Anche Ghirga ha fatto un percorso professionale di lusso nelle file dell’avvocatura locale e nazionale. Lo stesso Massimo Piselli, altro “frego” del Grifo, è divenuto personaggio di spicco nel mondo delle banche.

Come mister, Grassi era a capo del GCG (Gruppo calcistico giovanile) Pg Grifo.

Racconta il nostro amico: “Fui colpito da una brutta polmonite e in famiglia le condizioni alimentari erano inadeguate per sostenere il fisico con una buona alimentazione”.

“Ricordo – aggiunge – che Elio mi mandò per un mese al ristorante La Gratella di via del Bovaro per risistemarmi con qualche bistecca. Andò tutto bene e pensò lui a pagare il conto”.

Anche Roberto Goretti, ultimo direttore sportivo del Perugia, era uscito dalla sua factory.

“Ricordi della vecchia Grifo che – dice il Nostro – ha avuto due stagioni, cosa che pochi sanno. C’era stata infatti la Grifo vecchia e quella rifondata”. Molti giocatori della Grifo avrebbero poi militato nei ranghi del Perugia.

Gloria e riconoscenza a una figura, come quella di Elio Grassi, tanto amata e capace di lasciare un’impronta indelebile di affetto. Per aver impartito non solo lezioni di calcio, ma anche, e soprattutto, insegnamenti di vita. Che non è poco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elio Grassi, il mister umanissimo e generoso nel ricordo di un ex allievo

PerugiaToday è in caricamento