Sabato, 13 Luglio 2024
Attualità

Il grande cuore dei riders perugini per aiutare la Croce Verde di Ostra: al via la raccolta fondi "Una mano sul gas, una sul cuore"

Presentata a Perugia la raccolta solidale per sostenere l'associazione che nel corso dell'alluvione del 15 settembre ha visto la morte di un volontario e ingenti perdite materiali

Quando c'è da dare una mano ed essere solidali, i motociclisti umbri sono sempre in prima linea perché, come recita la campagna di aiuto lanciata per sostenere la Croce Verde di Ostra, hanno "una mano sul gas e una sul cuore". E così l'Associazione MotoTurismoUmbria in collaborazione con alcuni motoclub di Perugia e delle Marche, in particolare con il Motoclub Ostra, il Ducati Club Perugia, la concessionaria CDP Ducati Perugia, il Motoincontro Fabio Celaia, il team Entrophy Motorbike, il motoclub Ducati Scrambler Umbria, il Motoclub Aquile del Trasimeno, il Motoclub Perugia Chapter Italy e la concessionaria Harley-Davidson Perugia, vista l’alluvione dello scorso 15 settembre, hanno organizzato una raccolta fondi sulla piattaforma GoFoundMe per la Croce Verde di Ostra.
La Croce Verde di Ostra ha subito, infatti, numerosi danni a causa della piena del fiume Mise, in particolare sulla sede dove operano più di 50 volontari sia nell'assistenza alla popolazione che come presidio 118 che nei mezzi di soccorso.

Oltre ai danni ingenti, si parla quasi di 50 mila euro tra attrezzature e mezzi di soccorso, un volontario della Croce Verde è deceduto durante l’alluvione in aggiunta alle altre 3 vittime registrate nel borgo vecchio della frazione di Panello devastata dalla furia del fiume.

“Perché abbiamo sentito la necessità di creare una raccolta fondi? - ha dichiarato Simona Cortona, Presidente del Mototurismoumbria in conferenza stampa - “Per diversi motivi: oggi in questa sala, innanzitutto, siamo tutti motociclisti e motocicliste visto che sono presenti i presidenti di Motoclub, aziende come la CDP Ducati Perugia, la concessionaria Harley Davidson, il MotoTurismoUmbria ossia una comunità di motociclisti che promuove la conoscenza dei territori sia nei confronti della nostra regione che all’esterno. In questo contesto le Marche sono spesso meta dei nostri giri motociclistici.”

“L’Umbria e le Marche sono territori dove si organizzano tour simili, quelli religiosi tra Assisi e Loreto, il tour della Rocca di Gradara e Gualdo Tadino, la scoperta del nostro Appennino Umbro Marchigiano, cosi come il parco nazionale dei Sibillini; luoghi e percorsi che percorriamo in moto da tempo e sempre con la stessa emozione e passione. Questa raccolta fondi nasce dall’unione di comunità e territori che hanno vissuto grandi tragedie e che vedono popolazioni unite nel rimboccarsi le maniche e mettersi al lavoro per la propria comunità.”

Alla raccolta fondi ha da subito aderito il Motoclub Ostra (presenti in sala il vice presidente Andrea Bonucci e il presidente Alberto Peverini), che ha avuto a Perugia uno dei piloti migliori, Nicolo Mori, campione italiano di Enduro e oggi team manager del team Beta Entrophy Enduro racing che lavora con il Motoclub nella crescita di giovani e giovanissimi piloti nel mondo dell’enduro.
Riccardo Mencaglia, consigliere FdI e Presidente Moto Club Aquile del Trasimeno, ha manifestato la vicinanza della città di Perugia e dell’Umbria alle località marchigiane, dove lui stesso ha prestato servizio le scorse settimane come volontario, toccando con mano devastazione e disperazione.
“L’iniziativa di oggi è importante anche perché rivolta ad un popolo cui ci lega un forte senso di fratellanza. Quella fratellanza che, insieme alla solidarietà, è nel dna dei motociclisti".

Da Ostra è venuto a Perugia per partecipare alla conferenza Fabrizio Discepoli, presidente della pubblica assistenza Croce Verde che ha raccontato la follia di quella notte, tra il 15 ed il 16 settembre, che ha colpito le Marche, causando vittime, dispersi e ingenti danni.
Discepoli ha ringraziato tutti i motociclisti e le motocicliste nonché la città di Perugia per il sostegno e la vicinanza.

A chiudere la conferenza è stato l’assessore alla sicurezza e protezione civile Luca Merli che, nel ringraziare i club motociclistici per la sensibilità dimostrata, ha ricordato come la protezione civile abbia vissuto in prima persona il dramma delle popolazioni colpite dall’alluvione, operando a sostegno delle aree umbre (Pietralunga in particolare) nell’immediatezza dell’evento.
“Il mondo della protezione civile è speciale e meraviglioso perché i volontari sono animati dalla volontà di aiutare gli altri, sempre e comunque. Spero che questa raccolta abbia il successo che merita riuscendo a sostenere la croce verde di Ostra; per quanto ci riguarda, come Comune di Perugia, saremo al vostro fianco”.
 
A questo link si può fare la propria donazione https://gofund.me/f5c037c1

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il grande cuore dei riders perugini per aiutare la Croce Verde di Ostra: al via la raccolta fondi "Una mano sul gas, una sul cuore"
PerugiaToday è in caricamento