menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

INVIATO CITTADINO Viale dell’Indipendenza, sugli alberi crescono funghi

Spigolature perugine fatte a pedagna. Anche a Perugia, funghi in città… ricordando Calvino

Spigolature perugine fatte a pedagna. Anche a Perugia, funghi in città… ricordando Calvino. Viale dell’Indipendenza, su quegli alberi crescono funghi. Di dimensioni ragguardevoli.

Lo scopre solo chi va a piedi: su cuoio e non su gomma.

Accade così di vedere alla sommità di un tronco, prima della ramificazione, una famigliola di funghi bianchissimi. Forse non commestibili.

Viene in mente quel capolavoro immortale del “Marcovaldo” di Italo Calvino. E segnatamente il capitolo “Funghi in città”. Quando il protagonista Marcovaldo (uomo di fatica, dotato di appetito formidabile e portatore di fame atavica) intercetta in un’aiuola dei funghi, casualmente cresciuti per effetto di spore trascinate dal vento.

Segue l’immancabile scorpacciata e la conseguente lavanda gastrica al pronto soccorso di una città, che sembra essere Torino.

Tutto questo viene in mente percorrendo, pedibus calcantibus, la Vetusta di prima mattina. In una domenica qualunque del mese di luglio. Documentando il tutto con la digitale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento