Cablaggio elettrico alle Fonti dei Tintori, in attesa della prossima inaugurazione

Le due luci laterali evidenzieranno le fiancate, particolarmente dotate di nuovo appeal, dopo una ricostruzione di singolare fascino

Cablaggio elettrico alle Fonti dei Tintori, in attesa della prossima inaugurazione. L’ultimo intervento consiste nel cablaggio dell’opera, al fine di poterla dotare di un’adeguata illuminazione che ne valorizzi il significato e le strutture.

Un passaggio avente carattere di prerequisito, in funzione dell’installazione dei riflettori. Che saranno quattro nella prospettiva frontale e due su quelle laterali. Si tratterà di lampade a basso consumo, di moderna concezione e ad alte prestazioni. Un sistema a led che fornirà luce a un’opera, diversamente destinata alla scarsa visibilità durante la notte. Fino a prima del restauro conservativo non c’era, infatti, nessuna luce, se non quella fornita dall’illuminazione pubblica della strada. Peraltro intercettata e attenuata dalle piante d’alto fusto, ridimensionate e in parte abbattute. Dire che l’illuminazione fosse insufficiente è un eufemismo.

Le due luci laterali evidenzieranno le fiancate, particolarmente dotate di nuovo appeal, dopo una ricostruzione di singolare fascino. Due particolari “inventati”, ma coerenti col manufatto che, altrimenti, sarebbe stato ben presto investito e divorato, da terra e vegetazione. Come accaduto in passato. Stessa funzione ha il muro di sbarramento protettivo sul retro, fronte viale Orazio Antinori. Anche qui, a difesa e tutela del tetto rifatto a regola d’arte. In precedenza sommerso da smottamenti del terreno su cui era cresciuta una boscaglia. Con tanto di sfondamento da parte degli apparati radicali e conseguenti infiltrazioni, divenute negli anni antiestetiche stalattiti di carbonato di calcio.

Le quattro luci fontali metteranno in evidenza i tre fornici delle rispettive vasche. Una luce sarà proprio sopra la targa mutila del precedente restauro, effettuato a cura dell’Ente di promozione turistica ai tempi di Giuseppe Agostino.

Il complesso monumentale era un tempo destinato alla tintura delle stoffe della Corporazione dei lanaioli. È ancora in forse il riempimento idrico delle vasche. Circostanza che richiederebbe l’adozione di particolari misure per il filtraggio delle acque. Al momento, il filo d’acqua che scorre perennemente viene fatto confluire in un tubo che ne consente il deflusso in fognatura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ripristino delle acque fornirebbe un’immagine più vicina alla facies e alle funzioni originarie del manufatto. E le tre vasche, con la pavimentazione interamente rifatta, dovrebbero garantire una buona tenuta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • I migliori ristoranti di Perugia, la classifica dei primi dieci

  • Umbria, follia al supermercato: gira senza mascherina e prende a testate l'uomo che gli chiede di indossarla

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Un'azienda perugina protagonista al matrimonio vip di Elettra Lamborghini sul Lago di Como

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento