Attualità Norcia

Fioritura di Castelluccio, il piano di mobilità dolce ottiene l'Oscar di Legambiente: ecco cosa cambia sul traffico per la fiorita

Per tre weekend navette a prenotazioni per evitare l'assalto di auto. Oggi la consegna del riconoscimento

C'è un piano speciale per le fiorite di Castellucio. Un piano studiato per evitare che ci sia il consueto assalto per assistere allo spettacolo di colori regalato dai campi di lentichie ai piedi del piccolo borgo montano, ancora ferito dal terremoto. Un piano a basse emissioni per tre weekend che punta a evitare l'invasione di auto. Navette collettive e prenotabili che garantiscono meno inquinamento e una gestione più sostenibile dell'affluenza che si attende numerosa come al solito.

Il piano ha ottento l'Oscar dell'Ecoturismo, premio premio speciale Mobilità dolce che Legambiente e Amodo hanno conferito al presidente dell’Ente Parco Nazionale dei Monti Sibillini, ai sindaci dei Comuni di Norcia, Arquata del Tronto, Castel Sant’Angelo sul Nera. Il premio è stato stamattina consegnato a Visso nella sede del Parco nell'ambito di un confronto a cui hanno partecipato rappresentanti di Legambiente, Amodo tra cui Federparchi,  Federtrek, Aigae, Wwf, oltre a Symbola e Cammino Terre Mutate.

Il premio che vuole indicare nel coraggio di Parco e sindaci un laboratorio avanzato di sostenibilità che indica una via a tantissime aree di pregio di richiamo turistico fino ad oggi prese d’assalto da una mobilità sbagliata. “Ci auguriamo – hanno dichiarato le associazioni promotrici del Premio - che tanti enti maturino questa visione e adottino sperimentazioni da mettere a sistema per accompagnare la crescente domanda di natura con chiare regole di fruizione che garantiscano la tutela di aree fragili, garantendo gli interessi delle comunità residenti e delle attività economiche”. 

Cosi attraverso la limitazione e regolamentazione degli accessi, l’organizzazione di servizi di mobilità collettiva e la programmazione dei flussi turistici anche attraverso scelte di mobilità dolce e sostenibile, sarà possibile non solo salvaguardare uno degli altipiani più vasti dell’Italia centrale e simbolo del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, ma rendere certe, solide e durature le ricadute economiche per questo grande attrattore turistico e a tutta la filiera di servizi dell’area, provati prima dal sisma e poi dalla pandemia.

IL PIANO MOBILITA' PER LA FIORITA

Per l’anno 2022 viene stabilita la chiusura per i tre fine settimana centrali della fioritura, e precisamente l’ultimo fine settimana di giugno (25-26) e i primi due fine settimana di luglio (2-3 e 9-10); in particolare, durante questi tre fine settimana, sarà interdetto il passaggio di autovetture e camper, mentre sarà consentito libero accesso ai mezzi a due ruote, ai bus turistici e alle autovetture di residenti, dimoranti, esercenti, soggetti non deambulanti o di coloro comunque in possesso di idonea autorizzazione", spiega il Parco. La chiusura "è riferita solo ad auto non autorizzate e ai camper; tale chiusura riguarderà segnatamente la porta di ingresso da Norcia".

Per quanto concerne le altre due porte di ingresso ai Piani di Castelluccio (Castelsantangelo sul Nera e Arquata del Tronto), durante i tre fine settimana di chiusura, "sarà anche consentito, a coloro che a prescindere dalla fioritura abbiano la necessità di andare da Castelsantangelo sul Nera verso Arquata del Tronto o viceversa, il solo transito con auto (no camper) con assoluto divieto di sosta e fermata".

Da Castelsantangelo sul Nera "si potrà procedere in direzione Arquata del Tronto attraverso la strada provinciale, mentre da Arquata del Tronto in direzione Castelsantangelo sul Nera il transito verrà deviato dalla provinciale sulla strada “Delle Cavalle” (le deviazioni saranno comunque segnalate sul posto)". 

L'unica modalità prevista per tutte e tre le porte di ingresso ai Piani di Castelluccio (Norcia, Castelsantangelo sul Nera e Arquata del Tronto), "sarà quella di lasciare il proprio mezzo presso uno dei numerosi parcheggi di prossimità (resi disponibili a riguardo), raggiungendo da questi Castelluccio attraverso un servizio di navette".

E ancora: "Per poter usufruire di questo sistema di parcheggi di prossimità e servizio navette è indispensabile prenotare il posto autovettura/camper presso uno di tali parcheggi e, in base alla numerosità dei passeggeri, i relativi posti navetta. La prenotazione dovrà essere effettuata (a partire dai prossimi giorni) tramite il portale Parchi Aperti (www.parchiaperti.it). Al momento della prenotazione, il servizio di bigliettazione elettronica consentirà di effettuare il pagamento, sia del posto parcheggio che del/i posto/i navetta. Comunque, tutte le informazioni di dettaglio relative alle modalità di prenotazione e pagamento sono disponibili sullo stesso portale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fioritura di Castelluccio, il piano di mobilità dolce ottiene l'Oscar di Legambiente: ecco cosa cambia sul traffico per la fiorita
PerugiaToday è in caricamento