Sabato, 24 Luglio 2021
Attualità

Fioritura 2021, Alemanno promuove le navette: "Castelluccio senza auto uno spettacolo, indietro non si torna"

Positivo, secondo il sindaco di Norcia, il bilancio della sperimentazione delle azioni di medio termine previste dal Pams (Piano di Azione per la Mobilità Sostenibile)

Qualche rammarico per le temperature torride e la mancaza di pioggia (che hanno impedito ai visitatori di ammirare la consueta, stupenda e luminosa tavolozza di colori sui Piani di Castelluccio di Norcia, comunque sempre bellissimi in ogni stagione) ma soddisfazione per i numeri della Fioritura 2021, con migliaia di turisti venuti a godersi la natura e a degustare i prodotti offerti dai commercianti e dai ristoratori della zona..

A giudicare positivo il bilancio di questa edizione, al primo anno della prima sperimentazione delle azioni di medio termine previste dal Pams (Piano di Azione per la Mobilità Sostenibile) approvato dal Consiglio Comunale di Norcia poco prima dei terribili eventi del 2016, è l'amministrazione comunale nursina: "La situazione creatasi nel 2020 non poteva essere di nuovo sostenuta - si legge in una nota -. La fortuna, in queste circostanze, può assisterti una volta (non ci sono state emergenze da gestire durante i blocchi del traffico dello scorso anno) ma non si può sfidare continuamente.

E ancora: "Già dal mese di novembre, in attesa del pronunciamento della Corte d'Appello del Commissario per gli Usi Civici, sotto il coordinamento del presidente del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, erano stati avviati i primi incontri per provare a condividere un Piano unitario con le due regioni, le province di Perugia, Ascoli Piceno e Macerata, i comuni di Norcia, Arquata del Tronto e Castelsantangelo sul Nera e grazie all'impegno del Prefetto di Perugia e della Regione Umbria, a questo tavolo è stato possibile aggiungere tutte le forze dell'ordine, la Protezione Civile, la Comunanza Agraria di Castelluccio e poi le Associazioni che si sono proposte per mettersi a disposizione. Il Tavolo ha tentato di contemperare le molteplici esigenze espresse, da quelle economiche a quelle della sicurezza, da quelle della sostenibilità a quelle logistiche, senza riuscire però a giungere ad una sintesi unanimemente condivisa. Tenteremo di nuovo già a partire dalla fine dell'estate". 

Poi si passa ai numeri, contestualizzazti alla situazione attuale ancora condizionata dall'emergenza coronavirus: "Il Piano di Protezione Civile messo a punto e condiviso al tavolo Umbro della Prefettura, consapevole che non vi sarebbero state le medesime condizioni dello scorso anno per tutte le ragioni legate alla pandemia, si è posto l'obiettivo di diluire i picchi di presenze dei fine settimana, picchi che provocavano un carico antropico insostenibile, distribuendoli nei giorni feriali. Consentendo modalità di accesso diversificate (libero per tutti dal lunedì al venerdì e su prenotazione gratuita solo per auto e camper il sabato e la domenica) tale obiettivo è stato centrato".

I numeri dicono che "nel mese di Giugno 2020 i passaggi totali 'targati' in entrata ed in uscita dai varchi di Norcia sono stati 308.875 e nel mese di Giugno 2021 sono stimati in poco più di trecentomila (mancano i transiti in due varchi che, per un guasto, non hanno effettuato rilevazioni per un weekend). Nel periodo centrale della fioritura, dal 22 giugno al 5 luglio 2020 i passaggi totali 'targati' in città sono stati 183.750; dal varco zona Cimitero sono stati registrati 72.296 transiti. Nel periodo di fioritura nel 2021, dal 28 giugno all'11 luglio 2021, i passaggi totali 'targati' in città sono stati 155.787; dal varco zona Cimitero sono stati registrati 62.130 transiti. Le navette, in totale hanno trasportato 7321 persone (le prenotazioni totali sono state 8.738). La piattaforma ParchiAperti.it, stressata come mai in precedenza, ha retto bene l'impatto con le migliaia di utenti che hanno avuto accesso, in poco tempo e contemporaneamente all'applicazione. A tutti questi numeri vanno ovviamente aggiunti quelli in entrata e in usicta dai varchi di Arquata del Tronto e Castel Sant'Angelo sul Nera".

“Molti - afferma poi il sindaco nursino Nicola Alemanno - i giudizi positivi ricavati da quanti hanno potuto godere in serenità lo spettacolo di una Castelluccio libera dalle auto e di quanti hanno potuto dedicare un servizio migliore ai propri clienti sia a Castelluccio che a Norcia. Alcune problematiche riscontrate in questa prima fase di sperimentazione saranno sin dal prossimo mese di settembre poste all' attenzione quando torneremo di nuovo ad incontrarci per cercare di trovare un'unità di intenti ancor più condivisa". Tra i temi da affrontare: uniformità del sistema di accesso dai tre versanti (Perugia-Ascoli-Macerata), sistema di prenotazione delle navette e dei parcheggi con pagamento via web, service per i ristoranti, servizi di assistenza turisti sul Pian Grande e sostenibilità economica di tutti i servizi necessari.

“Nel giorno in cui il Commissario Legnini ha firmato l'emanazione dell'Ordinanza Speciale per Castelluccio che traccia definitivamente la strada per la piena ricostruzione del Centro, sia pubblica che privata, anche un'altra certezza per questo luogo straordinario: il Pams - ha concluso Alemanno - ha iniziato a muovere i primi passi e continuiamo a lavorare, con nuovi spunti per migliorare le azioni intraprese ad oggi. Indietro non si torna!”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fioritura 2021, Alemanno promuove le navette: "Castelluccio senza auto uno spettacolo, indietro non si torna"

PerugiaToday è in caricamento