Attualità

Il Festival della disabilità ha fatto 13… per essere tutti Diversamente Creativi

L’acropoli invasa da centinaia di Associazioni e scuole che operano nel terzo settore

Il Festival della disabilità ha fatto 13… per essere tutti “Diversamente Creativi”, kermesse ideata e promossa dalla dinamicissima Donatella Floridi. L’acropoli invasa da centinaia di Associazioni che operano nel terzo settore. Vengono da Umbertide, da San Giustino, da Assisi e Bastia, da Todi e da Gubbio, da Corciano e Gualdo Tadino. Poi tanti istituti superiori del capoluogo e cooperative più o meno note, ma tutte uguali nella condivisione di obiettivi di persuasa umanità.

Per tutti, la dignità di un tavolo sul quale esporre oggetti e progetti, segni e disegni, giochi e libri, reclamare diritti e raddrizzare torti. Fra le Logge di Braccio e la Fontana si fa ippoterapia. Dentro l’atrio del palazzo dei Priori, a lato del Grifo e del Leone, uno strepitoso karaoke con ragazzi che cantano a squarciagola.

La gente, tanta, si ferma a guardare, a commentare, ad apprezzare. Si parla anche di piena attuazione dei 50 articoli della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, si firma il manifesto d’intenti, si offrono opuscoli a chi voglia approfondire. Una giornata radiosa, illuminata da un sole che ogni tanto fa capolino. Ma che dovrebbe splendere in ogni istante dentro ognuno di noi. Un giorno lucente per far sentire i “diversi” più “uguali”. Perché la gioia di un sorriso non costa niente… e fa bene. Sempre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Festival della disabilità ha fatto 13… per essere tutti Diversamente Creativi

PerugiaToday è in caricamento