rotate-mobile
Attualità Assisi

Assisi, la mitica bicicletta di Gino Bartali è al Museo della Memoria

Il racconto della nipote: “Il nonno diceva che faticare in sella fosse la cosa che più si avvicinava alla preghiera. Questa è una grandissima opportunità per ricordare il nonno, la sua vita e la sua semplicità”

Gino Bartali è nato il 18 luglio del 1914 e la città di Assisi ha pensato di onorare il grande ciclista proprio nel giorno del suo compleanno, presentando al pubblico, nei locali del Vescovado Santuario della Spogliazione, la bicicletta con la quale arrivò secondo al Tour de France del 1949. 

Gioia Bartali, nipote del ciclista, durante la presentazione ha raccontato commossa: “Il nonno diceva che faticare in sella fosse la cosa che più si avvicinava alla preghiera. Questa è una grandissima opportunità per ricordare il nonno, la sua vita e la sua semplicità”. Per il sindaco Proietti, che ha donato alla signora Bartali una spilla con lo stemma della Città di Assisi: “Un momento importante per la città, che ha trovato tanti coraggiosi compagni di viaggio in quest’opera di salvezza degli ebrei: è il caso di Bartali, ma non solo”.

Il cimelio sarà conservato per un paio di mesi al “Museo della Memoria, Assisi 1943 -1944” su gentile concessione del collezionista padovano Gianfranco Trevisan. 

Per concludere la celebrazione il vescovo delle diocesi di Assisi - Nocera Umbra - Gualdo Tadino e di Foligno, monsignor Domenico Sorrentino, ha ricordato l’esempio di San Francesco che in questi locali si è spogliato di tutto: “Siamo lieti che tra quelli che hanno passato la porta di accesso del vescovado di Assisi, ci sia stato anche Bartali e la sua opera di salvezza”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assisi, la mitica bicicletta di Gino Bartali è al Museo della Memoria

PerugiaToday è in caricamento