Donne vittime di violenza, disoccupati e famiglie con disabili, i nuovi criteri per la case popolari ad Umbertide

Il Comune ha inserite dei punteggi aggiuntivi per le situazioni di disagio. Le domande entro il 2 novembre

Case popolari, favoriti nell’assegnazione le donne vittime di violenza familiare, disoccupati, in mobilità o in cassa integrazione, malati, famiglie con disabili e nuclei familiari residenti da almeno 15 anni consecutivi nel territorio comunale.

Con la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Umbria dell'avviso di formazione del bando comunale, prende il via la nuova selezione delle domande degli aspiranti assegnatari di un alloggio di edilizia residenziale sociale pubblica del Comune di Umbertide. Le domande dovranno essere presentate utilizzando l'apposito modello pubblicato sul sito del Comune di Umbertide nella sezione servizi e uffici/procedimenti e modulistica/edilizia sociale residenziale pubblica.

I requisiti per partecipare alla selezione sono il possesso di un indice ISEE non superiore a 12mila euro annui, cittadinanza italiana, o di uno Stato dell'Unione Europea o titolari di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, non titolarità di diritti di proprietà, comproprietà, usufrutto, uso e abitazione su un alloggio o quota parte di esso idoneo al nucleo familiare, residenza o svolgimento dell'attività lavorativa in Umbria da almeno 5 anni.

La graduatoria verrà formata dai requisiti fissati dalla Regione Umbria integrati con quelli del Comune di Umbertide, i quali sono diretti a cercare di tutelare i nuclei familiari più deboli e legati al territorio comunale da più tempo.

Il Comune di Umbertide con la modifica del regolamento comunale ha previsto dei punteggi aggiuntivi per alcune situazioni sociali di particolare rilievo.

Alle donne sole o con figli a carico inserite in un progetto personalizzato di uscita dalla violenza entro i programmi attuati dai Servizi a ciò dedicati, in particolare Centro Antiviolenza e Casa Protetta ad indirizzo segreto verrà attribuito un punto.

Spetteranno due punti anche alle famiglie in cui l’unico percettore di reddito, nell’anno antecedente la data di emanazione del bando, abbia perduto il lavoro in determinate circostanze, come ad esempio: licenziamento (escluso quello per giusta causa, per giustificato motivo soggettivo o per mancato superamento del periodo di prova e per dimissioni volontarie non connesse a causa di crisi aziendale); termine del contratto di lavoro a tempo determinato; collocamento in mobilità o in cassa integrazione per più di tre mesi; sopravvenuta grave malattia invalidante (che dovrà essere opportunamente documentata); decesso.

Un punto verrà conferito anche alle persone sole a seguito di separazione omologata, divorzio e disoccupate; ai nuclei familiari formati alla data di pubblicazione del bando da un’unica persona con più di 65 anni; alle famiglie che vedono la presenza di una persona con grave disabilità motoria, certificata da struttura pubblica, che occupi un alloggio non accessibile per la presenza di barriere architettoniche non eliminabili.

Saranno riconosciuti due punti ai nuclei familiari residenti nel territorio comunale da almeno 15 anni consecutivi (e non più 10 come precedentemente stabilito) alla data di emanazione del bando.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande al Comune di Umbertide è previsto per il 2 novembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Umbria, proclamati gli eletti in consiglio regionale: tutti i nuovi consiglieri, le biografie

  • Chiuso per 15 giorni il bar della droga, anche il Tar conferma

  • Beccato con la patente falsa, chiama la moglie e l'amico, ma anche loro hanno il documento contraffatto: denunciati in tre

  • Rischio microbiologico, lotto di Acqua Nepi richiamato dal Ministero della Salute

  • Investito mentre cammina in strada, grave 19enne: è in prognosi riservata

  • Muore a soli 42 anni dopo la caduta da un lettino dell'Ospedale: indagati medico e fisioterapista

Torna su
PerugiaToday è in caricamento