Domenica, 19 Settembre 2021
Attualità

"Non lasciare soli i giovani", don Francesco Verzini rieletto alla presidenza degli oratori umbri

Nelle parole del sacerdote la missione e gli obiettivi degli oratori umbri affiliati ad Anspi nei difficili mesi della pandemia

Don Francesco Verzini

Don Francesco Verzini è stato eletto Presidente del Comitato Regionale Anspi Umbria e del Consiglio Direttivo per il quadriennio 2021-2025. La carica presidenziale dell'Associazione che riuniesce i principali oratori italiani è stata rinnovata per un secondo mandato. Il nuovo Consiglio Direttivo è composto da

Sergio Eugeni, Vicepresidente

Don Daniele Malatacca, Segretario

Don Riccardo Pascolini, Tesoriere

ed altri quattro consiglieri appartenenti ai diversi comitati zonali presenti in Umbria.

In questi ultimi due anni anche il comitato Regionale ha dovuto riadattarsi alle esigenze dettate dalle normative vigenti a causa della pandemia. Nonostante le grandi difficoltà i numeri in Umbria sono rimasti positivi, sebbene con un fisiologico calo, dovuto alle restrizioni e ai tanti mesi di sospensione delle attività: 6 nuovi oratori affiliati e 3 di prossima costituzione per un totale di 84 tra oratori/circoli e gruppi affiliati ANSPI, 8848 tessere attive più altre 200 in richiesta.

Non lasciare soli i giovani: la missione degli Oratori

Il presidente eletto, nel ringraziare il Consiglio Direttivo uscente e tutti i collaboratori, afferma: "All’inizio della pandemia ci siamo tutti trovati di fronte ad una situazione inedita, che ci ha lasciati un po’ disorientati. Poi, però, abbiamo capito che proprio nel momento di difficoltà che da marzo 2020 il nostro Paese stava vivendo, non potevamo venir meno alla nostra principale mission: la cura delle giovani generazioni. Pertanto, gli oratori, con grande creatività, hanno promosso momenti di incontro, condivisione, riflessione, gioco, attraverso le molteplici piattaforme e gli strumenti digitali. Quando poi la situazione è migliorata, nell’estate 2020, assumendosi una grande responsabilità, gli oratori hanno promosso varie attività estive in presenza, seguendo con precisione le linee guida ministeriali. Lo stesso è stato per i circoli ricreativi affiliati ad ANSPI. Terminata l’estate e con l’aumento dei contagi e dunque le nuove restrizioni, ci siamo trovati nuovamente a dover portare avanti le nostre attività nei termini consentiti. Ciò che ho visto è stato un intenso lavorio da parte dei tantissimi volontari, insieme ai parroci, agli educatori e alle famiglie, che potesse permettere di non lasciare soli i giovani, i quali, diamocelo, sono stata la fascia d’età particolarmente colpita dalle restrizioni. In tutto ciò i circoli ricreativi, nell’Italia a colori, qui in Umbria hanno sofferto per la prolungata chiusura dettata dalle ordinanze regionali.

Ora siamo tornati a vivere un’estate in pieno regime ed in sicurezza, dove oratori e circoli ricreativi affiliati ad ANSPI hanno mostrato tutto l’entusiasmo nel riaprire fisicamente i battenti per proporre svariate attività a servizio della collettività. Pesiamo ai GrEst, ai campi estivi o alle attività dei circoli, anche per le generazioni più adulte.

Al contempo già si sta pensando alla progettazione per il prossimo anno pastorale, nella speranza che la crisi sanitaria rimanga sotto controllo, perché ciò che facciamo con e per i giovani, come per i più grandi, ha naturalmente come requisito fondamentale la presenza. Se poi le condizioni non permetteranno di tornare alla sperata normalità, siamo pronti ad attuare tutto ciò che ci è possibile fare. D’altronde l’oratorio è 'la passione educativa della Chiesa verso le giovani generazioni', una passione che non si spegne di fronte alle difficoltà, ma che anzi si acuisce per non lasciare nessuno da solo!".

Un grosso in bocca al lupo e buon lavoro a don Verzini e a tutti i volontari e opertaori Anspi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non lasciare soli i giovani", don Francesco Verzini rieletto alla presidenza degli oratori umbri

PerugiaToday è in caricamento