La rivista umbra "Riflesso" brilla di luce propria al Museo milanese in occasione del Compasso D’Oro

Il magazine umbro, con lo speciale Emergency, ha partecipato alla finale del Premio Nobel del Design, edizione 2020

La rivista “Riflesso” brilla di luce propria al Museo milanese del Compasso D’Oro. Il magazine umbro - con lo speciale Emergency - ha partecipato alla finale del Premio Nobel del Design, edizione 2020. Riflesso è inoltre presente alla mostra presso l’Adi Design Musem.

L’inaugurazione della mostra “XXVI Compasso d’Oro - Mettere radici” e l’assegnazione dei premi per il Compasso D’Oro 2020 hanno visto aprire le porte dei nuovi spazi dell’ex impianto di distribuzione elettrica. Una struttura della tradizione, riqualificata ad accogliere eventi di rango.

Dopo aver ottenuto l’importante riconoscimento Adi Index nel design della comunicazione nel sociale, la “nostra” pubblicazione ha partecipato alla finale del Premio più prestigioso e ambìto nel settore del design per quanto riguarda la cultura del progetto. Perché “progettare” è il verbo da coniugare al modo indicativo, tempo futuro. Questo il Verbo che guida Riflesso.

Lo speciale Emergency ha peraltro la caratteristica di essere stato realizzato in partnership con l’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia. Ma anche in sinergia col Corso in Design dell’Università di Perugia e col Sacro Convento di Assisi. Insomma, un poker di soggetti dal grande cuore, provenienti dal Cuore Verde.

Un lavoro di squadra in cui il mondo della comunicazione nelle emergenze si contamina con quello del design, dell’arte, dell’architettura e del sociale.

Tale pubblicazione riaccende i riflettori sull’eccellenza umbra, che riesce a mettersi in risalto tra i big mondiali del design. Un’editoria e comunicazione umana e sostenibile che punta a diffondere una cultura del progetto: ben oltre il concetto di profitto: da non demonizzare, ma neanche da segnalare come unico obiettivo da perseguire.

Riflesso è in ottima compagnia. Sono infatti in mostra anche vari prodotti di eccellenza nel design italiano: dalla Ferrari e Ducati per l’automotive, Riva e San Lorenzo nel comparto yacht, Flos per l’illuminazione, Boffi e B&B Italia per i mobili, Kartell e Alessi per l’oggettistica.

L’esposizione è visitabile fino al prossimo 16 settembre.

Le radici di cui si parla nel titolo dell’attuale edizione sono quelle di prospettare una semina che possa fornire esiti fruttuosi. Insomma: mettere radici come prospettiva per realizzare i propri sogni. In una dimensione non tanto individualistica, quanto sociale, solidaristica e culturale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In forma dopo i 40/50 anni, ecco la dieta giusta

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 17 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 novembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento