La storia di Iryna, la ragazzina arrivata a Perugia con solo uno zainetto e ora imprenditrice

Raggiunta la madre in Italia, ha studiato italiano e corsi per diventare parrucchiera, fino a coronare il suo sogno: aprire un salone tutto suo

La ragazzina arrivata dall’est Europa con il solo zainetto sulle spalle diventa imprenditrice e dà lavoro ad altre tre persone, nel pieno dell’emergenza sanitaria e socio-economica portata dal Covid-19. Recuperando anche un locale sfitto da tanto tempo.

Iryna Chereshnova, ragazza ucraina, sposata con un ingegnere perugino, apre il suo salone di parrucchieria in via Palermo, al piano terra del palazzo della Provincia di Perugia. Lei è una ragazza ucraina, arrivata in Italia 12 anni fa a trovare la madre che viveva e lavorava già da tempo a Perugia. A Perugia ha trovato tutto, si è innamorata dell’Italia e ha deciso di fermarsi a vivere nel capoluogo umbro.

Si è messa ad imparare la lingua e a cercare lavoro, trovandolo come parrucchiera visto che aveva fatto delle scuole specifiche e anche perché ha voluto seguire la sua passione.

Dopo qualche breve esperienza presso piccole attività ha iniziato a lavorare presso Effetti (l’unico salone di Perugia associato Joelle, brand che ha lanciato la tecnica di colorazione Degradé e sono oggi un punto di riferimento nel panorama italiano, affiliati Wella), iniziando un percorso di dieci anni di formazione e di successi personali e professionali.

Nel 2019 partecipa al concorso Wella Trend Vision e si classifica terza in tutta Italia nella categoria acconciature. Frequenta altri corsi di formazione all’estero a spese proprie. Fino a pensare di fare il grande passo: da dipendente ad imprenditrice di se stessa. Così continua a studiare e ottiene l’abilitazione alla professione rilasciata attraverso corso ed esame della Regione Umbria. Ha in mente di iniziare con qualcosa di piccolo, ma che punti sulla qualità.

Un giorno, durante una passeggiata domenicale, passa davanti al palazzo della Provincia di Perugia, in via Palermo. Un’area che in passato è stata molto attiva commercialmente (negli anni del Crazy Bull, del centro estetico, di un parrucchiere e poi di una banca). Facendo una rapida valutazione ha pensato di aver trovato il posto ideale: fronte strada, a due passi da via dei Filosofi, all’uscita del raccordo a Prepo, possibilità di parcheggio.

Iryna si è messa in contatto con la proprietà e le ha fatto una proposta: “Io investo nei vostri locali, ma voi mi permettete di farlo applicando un canone crescente negli anni, così io potrò crescere e darò un impulso positivo con la mia attività al rilancio dell’area commerciale” che tutta della stessa proprietà. Così è stato: un canone basso per allestire un’attività su 200 metri quadri. Il Covid-19 ha rallentato, ma non fermato Iryna che ha continuato a portare avanti il suo progetto, contattando tutti i maggiori brand di arredamento scegliendo Gamma&Bross (brand di livello mondiale) per potersi distinguere, ha stretto accordi con Joelle per diventare il secondo (in ordine temporale) salone affiliato di Perugia.

Durante il periodo di quarantena ha continuato a studiare con i corsi online di formazione tecnica e di marketing pensando al suo nuovo negozio notte e giorno.

A fine prima ondata di Covid, Iryna riprende il lavoro, ma avverte i datori di lavoro delle sue intenzioni. E questi non solo la spronano a seguire le sue aspirazioni, ma conoscendone la bravura (è molto richiesta dalle clienti) le propongono di costituire una società, con loro come soci di capitale.

Da qui nasce il nuovo brand Wira srl, che vede come socio di maggioranza Iryna e come altri due soci i fratelli Mauro e Walter Malorgio. Grazie al loro apporto è stato possibile ristrutturare completamente i locali, acquistare arredi e postazioni tecniche di primissima qualità e puntare subito ad un salone che vorrà essere un punto di riferimento, non solo per la città.

Domani apre Wira, il sogno di Iryna, la ragazzina arrivata a Perugia con solo uno zainetto sulle spalle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Perugia: minorenne trovato in casa senza vita

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus, anche l'Umbria verso la "zona arancione": cosa si potrà fare e cosa sarà vietato

  • Umbria "arancione", Presidente Squarta: "E' assurdo". Lettera alle altre Regioni: "Uniti per ottenere subito soldi per i commercianti"

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 13 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 gennaio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento