Giovedì, 5 Agosto 2021
Attualità

Coronavirus: “Sì allo sport in montagna, ma quest’anno prima la prudenza”.

Appello del Corpo nazionale di soccorso alpino e speleologico: "Non aggravare il lavoro degli ospedali"

Sport di montagna ed emergenza sanitaria. Il Corpo nazionale di soccorso alpino e speleologico lancia l'appello: "Scegliete un’altra montagna: meno rischiosa, ma non meno coinvolgente".

Con la sanità messa alla prova dall'emergenza Coronavirus "serve una grande responsabilità e scelte conseguenti – chiede Maurizio Dellantonio, il presidente nazionale del Cnsas – Ogni incidente in montagna aggrava la mole di lavoro per l’intera sanità, impegnata nel fronteggiare l’emergenza Covid-19: è per questo che lanciamo questo video per chiedere che gli sport a rischio in montagna siano per una volta messi in secondo piano nelle scelte degli appassionati. Le alternative non mancano e potrebbero essere occasione per scoprire attività, percorsi e località meno note".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Negli anni passati le missioni di soccorso, per il Cnsas, erano state oltre 4mila per ogni inverno. L’iniziativa è organizzata nell’ambito del progetto “Sicuri in Montagna”, che vede il penultimo weekend di gennaio tradizionalmente dedicato alla prevenzione degli incidenti sulla neve. Quest’anno è dedicata ai medici, agli infermieri e a tutto il personale sanitario italiano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus: “Sì allo sport in montagna, ma quest’anno prima la prudenza”.

PerugiaToday è in caricamento