Decreto Ristori, anche le botteghe artigiane e i commercianti di articoli religiosi potranno ottenere il rimborso

La senatrice Alessandrini e il consigliere Pastorelli (Lega): "Ricompresi anche quei codici Ateco che avevamo segnalato tra le categorie da ristorare"

Le piccole botteghe, i commercianti di arredi sacri e articoli religiosi, ma anche numismatica e filatelia, sono stati tutti inseriti nel Decreto Ristori. Una notizia importante per quanti in Umbria vivono grazie a queste attività: basti pensare al turismo religioso in centri come Assisi e Cascia.

Una vittoria in Parlamento per la Lega, spiega la senatrice Valeria Alessandrini: "Grazie al mio impegno e a quello della Lega, il governo ha incluso nel Dl Ristori quei codici Ateco che avevamo segnalato dover essere ricompresi nelle categorie da ristorare, perché finora esclusi da ogni misura di sostegno. Rendiamo giustizia a quanti, privati del loro principale cliente di riferimento, il turista, con le loro botteghe spesso incastonate nei centri storici delle nostre città d’arte, rappresentano un tessuto economico basilare che, se salvaguardato, si confermerebbe patrimonio culturale recuperato e contemporaneamente comparto economico rinsaldato, nel quale operano migliaia di lavoratori e di famiglie italiane".

Il provvedimento riguarda gli imprenditori del settore del commercio al dettaglio di oggetti d’arte, oggetti di artigianato, di arredi sacri ed articoli religiosi, di bomboniere, di chincaglieria e bigiotteria, di articoli per le belle arti, e ancora chi commercia con articoli di filatelia, numismatica e da collezionismo, utensili per la casa, cristallerie e vasellame, articoli in legno, vimini, sughero ed in plastica.

"Una bella notizia per l'Umbria e per le città d'arte come Assisi che vivono di turismo religioso - afferma Stefano Pastorelli, capogruppo Lega Umbria in consiglio regionale - Sono mesi che sto sollecitando il Governo ad intervenire in tal senso e finalmente, grazie alla Lega riusciamo a dare una riposta concreta a commercianti e imprese del centro storico che più di altri stanno affrontando le conseguenze economiche della pandemia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Perugia: minorenne trovato in casa senza vita

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 13 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'11 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 gennaio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento