menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, provincia di Perugia in zona rossa: "In questo momento è opportuno mettere da parte le polemiche"

Il presidente della Provincia di Perugia dopo l'ordinanza della Regione Umbria: ""I numeri legati all’espansione del virus hanno consigliato una scelta di estrema prudenza"

“Da domani, lunedì 8 febbraio, per 15 giorni la provincia di Perugia sarà in zona rossa, come ha deciso la Regione a fronte di una crescita dei casi di positività particolarmente intensa e preoccupante in tutto il nostro territorio”. E’ quanto ha dichiarato stamattina il presidente della Provincia di Perugia Luciano Bacchetta in riferimento all’ordinanza firmata dalla presidente della giunta regionale Donatella Tesei, sottolineando che “a essere colpite in primo luogo dal provvedimento saranno le scuole di ogni ordine e grado, che rimarranno chiuse per 15 giorni, con la ripresa quindi della didattica a distanza”. 

“Voglio ringraziare gli insegnanti e tutto il personale scolastico, perché in un momento così complesso devono far fronte a difficoltà anche impreviste”, ha affermato Bacchetta, che ha spiegato come “la Regione abbia ritenuto opportuno e necessario, di fronte a una evidenza scientifica chiara, provvedere alla sospensione delle lezioni in tutti gli istituti perché i numeri legati all’espansione del virus hanno consigliato una scelta di estrema prudenza”. 

“La Provincia di Perugia sarà a disposizione di tutti, collaborando con le altre istituzioni, con il mondo della scuola – chiarisce Bacchetta - perché in questo momento è opportuno mettere da parte le polemiche, i dubbi, le tensioni e lavorare tutti nella stessa direzione, che è quella del superamento di dell’attuale fase di difficoltà e della sconfitta del virus, che da un anno condiziona le vite di tutti noi”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Umbria, sanità in lutto: è morto il dottor Giulio Tazza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento