menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, nel paese dei muri dipinti mascherine per tutti: parte oggi la distribuzione

A Mugnano la bella iniziativa della pro loco. Il presidente Brilli: "Un gesto simbolico per la nostra comunità"

Anche il paese dei muri dipinti mostra generosa sensibilità all’emergenza sanitaria da coronavirus donando presidi sanitari ai compaesani. Inizia infatti oggi a Mugnano la distribuzione, di due esemplari di mascherine per famiglia. Dietro la mascher(ina) una comunità sempre attenta alle esigenze delle persone. 

Dice Chiara Brilli, presidente della pro Loco mugnanese: “Pro loco. Ossia ‘per il luogo, per il paese, ma soprattutto per le persone’. Perché proprio di persone è composta la nostra Associazione. E a loro va tutta la nostra attenzione”. Questa la notizia, poi il commento e la puntualizzazione: “Oggi più che mai, quando i decreti del Governo costringono i cittadini a rimanere lontani, rinchiusi nelle proprie case e isolati nei propri cupi pensieri, si può invece sentire, e far sentire, la vicinanza tra persone che vivono nello stesso paese”.

'Tante storie a Borgo Gioioso': giocando in quarantena si impara la storia del Trasimeno

Chiedo a te che ne hai il polso, quale la situazione delle associazioni locali?
“L’emergenza sanitaria sembra proprio aver colpito al cuore associazioni come le pro-loco paesane che prendono nella convivialità il carburante per progettare il futuro”. 

Hai ragione. La vostra festa è un trionfo di socialità, gastronomia, cultura, condivisione. Ora cosa accade?
“Non più riunioni, niente manifestazioni, nessun momento di allegria per stare insieme e promuovere il territorio, con feste, eventi, mostre d’arte e artigianato”. 

Capisco che la festa di quest’anno “In… contriamoci a Mugnano” è andata a pallino. Ma qualcosa occorre pur fare...
“Certamente. Quando tutto sembra perduto, quando non si attende la fine dell’epidemia per ricostruire la semplice normalità, la vicinanza della pro-loco di Mugnano arriva tramite un’idea: dotare tutto il paese di mascherine chirurgiche”. 

Coronavirus, tamponi e prelievi 'pit stop': i comuni del Trasimeno si candidano

Come avete proceduto?
“Ogni abitante, nessuno escluso, riceverà nella cassetta delle lettere delle mascherine appena arrivate. Può sembrare un oggetto banale, oggi invece significa tanto. Le mascherine donate, oltre a essere i dispositivi più semplici che aiutano a limitare il contagio, in questo frangente diventano il segno di un’Associazione che ha a cuore le sue persone”. 

Insomma, avete voluto dare un segno, compiere un gesto concreto che assume valore anche simbolico, vero?
“Sicuro. Un simbolo per dimostrare vicinanza affettiva in un momento di lontananza materiale. Siamo infatti sicuri che, una volta passata la 'tempesta', gli abitanti di Mugnano si ritroveranno in piazza più vicini di prima”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento