menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, il dono dei marscianesi: un respiratore e una sonda per ecografo all'ospedale di Pantalla

I macchinari sono stati acquistati con una raccolta fondi promossa da Comune di Marsciano e Avis e rivolta agli imprenditori locali: sabato (16 maggio) la consegna

Un gesto di grande solidarietà e un gesto prezioso da parte della collettività marscianese per l'ospedale di Pantalla, centro di riferimento per tutto il comprensorio che durante l'emergenza coronavirus è stato riconvertito a 'Covid Hospital'. In attesa di conoscere quale sarà il destino futuro del nosocomio della Media Valle del Tevere infatti, sabato avverrà la consegna di un ventilatore polmonare e di una sonda per ecografo, macchinari sanitari sono stati acquistati nell’ambito di una raccolta fondi promossa da Comune di Marsciano e Avis che ha fruttato un importo di 12.500 euro grazie alle donazioni degli imprenditori locali. Con gli stessi fondi sono stati acquistati anche dispositivi di protezione individuale che saranno destinati ai medici di famiglia. 

Ospedale di Pantalla, incontro sindaci-Regione: 'fumata grigia' e nessuna garanzia

Alla cerimonia di consegna interverranno il sindaco Francesca Mele, il vicesindaco Andrea Pilati, l’assessore Manuela Taglia e il consigliere comunale Roberto Lepanti per il Comune di Marsciano, Mauro Umbrico, presidente dell’Avis Marsciano, Gianluca Morelli in rappresentanza del tessuto imprenditoriale locale. Avverrà invece più in là, non appena sarà disponibile il materiale acquistato, la consegna - sempre all’ospedale di Pantalla - di un respiratore per la terapia intensiva e di dispositivi di protezione individuale per il personale sanitario, frutto della campagna di donazioni promossa presso i cittadini sempre dall’Avis Marsciano in collaborazione con la Caritas locale e le amministrazioni comunali di Collazzone, Fratta Todina, Marsciano, Massa Martana, Monte Castello di Vibio e San Venanzo. Sono già stati raccolti più di 30mila euro e si può continuare a donare per permettere l’acquisto di nuovi dispositivi di protezione per medici, infermieri e altri operatori sanitari.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento