menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, la Lega Umbria: "Rinviare l'apertura delle scuole"

Pastorelli: "Alle condizioni attuali il rientro in classe il 7 gennaio rischierebbe di compromettere un delicato equilibrio"

“Rinviare la riapertura delle scuole”. Il capogruppo Lega Umbria, Stefano Pastorelli, sostiene l’ipotesi avallata dall’assessore regionale alla sanità Luca Coletto e dall'assessore regionale allo Sviluppo economico Michele Fioroni. “Alle condizioni attuali il rientro in classe il 7 gennaio rischierebbe di compromettere un delicato equilibrio, come già accaduto dopo la riapertura del 14 settembre – spiega Pastorelli – Non possiamo permetterci di vanificare i tanti sacrifici fatti dai cittadini umbri durante le festività e gli sforzi profusi dal sistema sanitario regionale per giungere a risultati positivi in termini di numero di contagiati e indice Rt".

Per l'esponente del Carroccio "non siamo solo noi a pensarla così, ma molte regioni, anche quelle guidate dalla sinistra, hanno palesato dubbi sull’effettiva possibilità di garantire la didattica in presenza in piena sicurezza e lo stesso hanno fatto i sindacati nazionali del mondo della scuola".

E Pastorelli critica il Governo Conte per rilanciare la proposta della Lega di arruolare taxi e Ncc per il trasporto pubblico locale:  "Ancora una volta emerge tutta l’incapacità del Governo nel gestire la pandemia e si palesano i vergognosi ritardi accumulati dai Ministri Azzolina all’istruzione e De Micheli ai trasporti, che hanno perso tempo e ignorato le proposte provenienti non solo dalla Lega, ma dagli attori coinvolti nel processo educativo e formativo".

E ancora: "In particolare - rincara il leghista di Palazzo Cesaroni - , non sono state risolte le criticità evidenziate da più parti rispetto al sistema dei trasporti scolastici dove il problema non è solo il distanziamento. Negli autobus non c’è ricambio d’aria, ma ricircolo e il rischio di diffusione del virus è concreto. Il Ministro De Micheli, che in una prima fase negava addirittura la possibilità di contagio nei mezzi pubblici, per poi proporre l’apertura dei finestrini degli autobus anche in pieno inverno, fino a pochi giorni fa ammetteva l’esistenza di “criticità da risolvere”, ma nulla ha fatto in tal senso. Torniamo a ribadire la necessità da parte della Regione Umbria di stipulare convenzioni con i titolari di taxi e Ncc (noleggio con conducente), al fine di integrare il trasporto pubblico locale, per garantire sia la mobilità che la sicurezza anti contagio. In attesa di una maggiore copertura dei vaccini su territorio regionale e di una integrazione tra trasporto pubblico e privato, ritengo necessario rinviare il rientro in classe degli alunni, posticipando l’inizio delle attività didattiche”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento