menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, Sciamanna (Popolo della Famiglia): "Brava Regione che ha deciso l'incremento dei tamponi"

"Adottato il metodo sud-coreano contro il virus. Controlli anche ai contatti occasionali dei contagiati"

La Regione Umbria ha adottato il metodo sud-coreano per sconfiggere il Covid19: tamponi estesi per individuare focolai. Il Popolo della Famiglia plaude all'iniziativa di Palazzo Donini e chiede: "Controlli anche ai contatti occasionali dei contagiati".

"Apprendiamo con soddisfazione la notizia che l’Umbria, per voce dell’assessore Coletto e della presidente Tesei, attiverà misure anticontagio più consistenti rispetto a quelle adottate fino a questo momento, passando da 500 a 2000 test al giorno", ha commentato Marco Sciamanna presidente del Popolo della Famiglia Umbria.

"Pur ritenendo una priorità essenziale dare la precedenza ai tamponi per le professioni sanitarie, per le forze dell’ordine, per coloro che lavorano nelle case di riposo e di cura, o che sono reclusi nelle strutture penitenziarie, sollecitiamo uno screening orientato verso tutti i possibili contatti dei contagiati, sia familiari, sia lavorativi, comprendendo anche contatti occasionali", ha continuato Sciamanna specificando che, sull’esempio della Regione Veneto, solo in questo modo l’incremento dei test porterà in Umbria un contributo significativo alla riduzione del numero dei contagiati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento