Attualità

Usl Umbria 1 nel mirino dei sindacati: "Tagliate le ferie agli 'eroi'. Pronti allo stato di agitazione"

Da Fsi-Usae una lettera al commissario straordinario Pasqui e all'assessore regionale Coletto in rappresentanza del personale: "Revoca del provvedimento entro tre giorni. E servono nuove assunzioni"

C'è il taglio delle ferie estive nel mirino della Federazione Sindacati Indipendenti-Unione Sindacati Autonomi Europei, che hanno indirizzato una lettera al dottor Silvio Pasqui, commissario straordinario dell'Usl Umbria 1 e a Luca Coletto, asserrore alla Sanità della Regione Umbria. La richiesta dei rappresenanti è chiara: vogliono la revoca del provvedimento del 26 maggio con cui si riducono o si sospendono le ferie estive del personale. "Si incorre al mancato rispetto delle norme contrattuali e dei diritti costituzionalmente tutelati dei lavoratori - si legge nella lettera -, una lesione al diritto delle ferie annuali, con grave limite al diritto al riposo e al recupero delle proprie energie psicofisiche e alla cura delle proprie esigenze personali, così come previsto dalla Costituzione e codice Civile. Tale provvedimento è l’ennesima evidenza di una totale disorganizzazione e di una carenza di personale cronica che da tempo denunciamo".

Sistema integrato del lavoro, Fioroni: "Fondi nazionali trasferiti all'Umbria in ritardo"

I 'tagli' previsti nel provvedimento lasciano l'amaro in bocca dopo gli sforzi compiuti durante la fase più acuta dell'emergenza coronavirus: "Tale condizione è insostenibile ed assolutamente irrispettosa nei riguardi di tutto il personale che, tra mille difficoltà e carenze croniche di organico, ha comunque garantito, con grande senso di responsabilità, soprattutto in questi ultimi mesi di eccezionale emergenza, un impegno straordinario con sacrifici enormi in termini di riposo e stress fisico ed emotivo che ha coinvolto inevitabilmente anche le loro famiglie. In così poco tempo gli 'eroi' così venivano definiti da tutti, sono stati improvvisamente dimenticati e abbandonati, tutte le promesse fatte sono state completamente disattese, nonostante abbiano dedicato intere giornate a lottare privi di dispositivi di protezione, rinunciando alle proprie famiglie, mettendo in pericolo la propria vita, lì sempre in prima linea senza mai indietreggiare".

Trasporto pubblico in Umbria, Melasecche ai sindacati: "Critiche ingiuste e strumentali"

In virtù di quanto sopra descritto l'organizzazione sindacale chiede alla Regione di "provvedere urgentemente a nuove assunzioni in grado di sopperire alle evidenti mancanze che le caratterizzano, nel rispetto dei lavoratori e del loro stato di salute in grande affanno per la questione Covid 19. Inoltre se entro 3 giorni lavorativi tale provvedimento non sarà revocato, proclameremo lo stato di agitazione in tutti i presidi della Usl Umbria 1 e invieremo una denuncia/diffida presso l’Ispettorato del Lavoro, per le dovute sanzioni per il mancato smaltimento di ferie vecchie e ferie estive e il mancato riposo biologico con eventuale risarcimento del danno cagionato a tutto il personale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Usl Umbria 1 nel mirino dei sindacati: "Tagliate le ferie agli 'eroi'. Pronti allo stato di agitazione"

PerugiaToday è in caricamento