rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Attualità

INVIATO CITTADINO Chiesa del Gesù, concerto Agimus dedicato al personale sanitario

Il cardinale vola alto ed elogia Perugia 'Città del Monte', una civitas di mura e di uomini saldi nella fede

Chiesa del Gesù. Concerto Agimus in memoria dei sanitari. Il cardinale vola alto ed elogia Perugia ‘Città del Monte’. Una civitas di mura e di uomini saldi nella fede.

Un evento che ha coniugato gratitudine, musica, identità.

Gratitudine per il personale sanitario e la generosità dimostrata in occasione della pandemia. “Eroi della porta accanto. Combattenti del quotidiano nella trincea della lotta al coronavirus”.

Musica a livelli alti. Col Coro dell’Università, magistralmente formato dall’ottima Marta Alunni Pini. Sotto i riflettori l’eccellente soprano Elena Vigorito, impareggiabile per classe e compostezza. E poi il violino giovanile di Federico Galieni che il Maestro Silivestro segue con cura affettuosa. 

Due  trombe (Vincenzo Pierotti ed Emanuele Verzieri) a sostenere un “Io credo: risorgerò” che ha toccato i cuori. 

L’arpa sapiente di Chiara Fiorucci a interpretare Händel e una cantata “In memoria”, scritta dal sempre autorevole Salvatore Silivestro che volle dedicarla a un amico polacco scomparso.

Nella chiesa che fu dei Barnabiti l’accoglienza di don Mauro Angelini, rettore della chiesa fondata dai gesuiti e assistente spirituale del Perugia Calcio.

Quindi il concerto cui hanno assistito rappresentanti delle due Università, dell’Ospedale, del Comune di Perugia e il Cardinale Bassetti. Che, al termine dell’evento, ha preso la parola. Evidenziando, innanzitutto, le forti emozioni suscitate dalla musica.

Ha detto “Sono da dodici anni a Perugia e sono convinto che a questa città spetti il nome di Città sul Monte. E il “monte” sono la sua gente e i suoi luoghi identitari, questa chiesa ‘domus Dei’, l’Accademia, le due Università, il Conservatorio, la Maestà delle Volte” (torneremo in un prossimo servizio sulla reazione del cardinale Bassetti e delle Istituzioni sulla nostra proposta di ripristino del nome originario di questo luogo).

“Questa musica - ha concluso - sommuove sentimenti, comunica bellezza, esalta lo spirito, rivela identità”.

Musica, davvero, per le orecchie del popolo perugino accorso a celebrare uno speciale due novembre. Animato da quella pietas che ne costituisce il nerbo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Chiesa del Gesù, concerto Agimus dedicato al personale sanitario

PerugiaToday è in caricamento