Coronavirus e scippi, il Prefetto mobilita le forze dell'ordine per la sicurezza del pagamento delle pensioni

L'indicazione è di disporre un’accurata vigilanza presso gli uffici postali della Provincia

Il Prefetto di Perugia Claudio Sgaraglia ha mobilitato le forze dell'ordine affinché vengano assicurate tutte le misure di sicurezza presso gli uffici postali in occasione del ritiro delle pensioni.

Il Prefetto di Perugia, Claudio Sgaraglia "con riferimento alla razionalizzazione dell’operatività dei propri uffici svolta da Poste Italiane spa, e all’approssimarsi del pagamento anticipato dei trattamenti pensionistici, come previsto nell’ordinanza di Protezione civile del 19 marzo - si legge in una nota - ha sensibilizzato le forze di polizia per una immediata intensificazione dei servizi di prevenzione e controllo del territorio, finalizzata anche ad un’accurata vigilanza presso gli uffici postali della Provincia, allo scopo di garantire che il ritiro delle pensioni e lo svolgimento di tutti gli altri servizi agli sportelli avvenga in condizioni di massima sicurezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 30 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'1 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 2 dicembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento