Coronavirus, il Comune di Passignano aiuta le aziende: fondo per pagare la Tari

Un fondo comunale per sostenere le imprese penalizzate dalla crisi determinata dalla pandemia

Un fondo comunale per sostenere le imprese penalizzate dalla crisi determinata dalla pandemia di coronavirus. E’ quanto si appresta ad istituire il Comune di Passignano al fine di aiutare il tessuto imprenditoriale locale a superare questo periodo di recessione economica e di contrazione delle entrate.

“Le conseguenze dell’epidemia – si legge in una lettera inviata in questi giorni dall’Amministrazione comunale firmata dal sindaco Sandro Pasquali e dall’assessore al Bilancio Letizia Capecchi ai titolari di utenze non domestiche - sono di grande rilievo e investono il sistema economico mondiale provocando il blocco dei consumi, l’interruzione di gran parte della produzione, interi settori fermi quale quello turistico, dei trasporti e della ristorazione. A ciò si aggiunge perdita di occupazione e di salario che aggrava la caduta di domanda e rallenta ulteriormente la produzione. In tale contesto l’Amministrazione comunale – spiega l’Ente guidato dal sindaco Sandro Pasquali - considera prioritaria e urgente l’esigenza di assicurare la ripresa economica e sociale del paese”.

Da qui l’istituzione di un fondo comunale per garantire un sostegno alle imprese e consentire loro di superare questo periodo di grave difficoltà.

“Dal momento che l’interruzione delle attività ha avuto come naturale conseguenza una contrazione della produzione dei rifiuti delle utenze non domestiche – spiega l’Amministrazione - tale fondo sarà finalizzato a contributi per il pagamento della TARI per il 2020 e sarà commisurato ai periodi di chiusura dell’attività (obbligatoria e volontaria)”.

L’Amministrazione fa tuttavia sapere che intende sostenere le attività produttive anche con altre misure che verranno messe in atto previa concertazione con le associazioni di categoria, attingendo allo stesso fondo, finanziato con l’avanzo di amministrazione dell’esercizio 2019. L’intenzione è di portare il documento in approvazione in Consiglio comunale “prima possibile, senza dover aspettare i tempi lunghi della burocrazia, facendo appello a tutte le forze politiche e civiche presenti in aula di snellire le procedure”.

Sono in emissione le bollette della Tari, la cui scadenza è prorogata al 31 luglio: “invitiamo – sollecita l’Amministrazione Pasquali - chi non ha avuto difficoltà a contribuire versando la propria quota”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Perugia: minorenne trovato in casa senza vita

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 13 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'11 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Umbria "arancione", Presidente Squarta: "E' assurdo". Lettera alle altre Regioni: "Uniti per ottenere subito soldi per i commercianti"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento